Allarme sullo stato della raccolta dei rifiuti

Le denunce dei circoli Fli di Briatico , Pizzo Calabro e Tropea .

Il Fli invita la Regione a fare frutto delle problematiche degli scorsi anni e adoperarsi per attuare sia un piano specifico relativo al problema rifiuti.



I circoli Fli di Briatico , Pizzo Calabro e Tropea lanciano un allarme sullo stato della raccolta dei rifiuti in Calabria. Ogni località turistica, secondo Fli, «per essere appetibile ai visitatori, deve innanzitutto salvaguardare il territorio e offrire servizi all’altezza delle aspettative».
Ma in base al quadro descritto da Fli «c’è ben poco da stare allegri» perché «i problemi che ogni anno immancabilmente si ripropongono sono essenzialmente riconducibili alla sporcizia del mare e all’immondizia che invade le strade della nostra costa». Le denunce sulla stampa durante i mesi estivi non servono dunque se «passato il periodo critico tutto torna nel dimenticatoio senza che si faccia nulla per prevenire questo stato di cose». A tal riguardo, Fli chiede: «cosa è stato fatto per risolvere questo dramma?» e ricorda che «la depurazione delle acque è una chimera, gli impianti spesso obsoleti o non funzionanti, ma al di là della buona volontà di alcuni amministratori locali che si scontra con la fatale mancanza di fondi, le autorità preposte non sembrano tenerne conto».
I cumuli di rifiuti che già in questi mesi si possono notare in alcune località preoccupano quindi Fli, che chiede alla Regione Calabria «risposte immediate per consentire alle tante famiglie che vivono grazie al turismo di non subire ricadute negative ulteriori rispetto alla crisi che attraversa l’Italia intera».
La speranza è che non si debba leggere anche quest’anno «di problemi con le imprese incaricate alla raccolta dei rifiuti, di scioperi del personale perché non viene pagato, di incremento ingestibile dei rifiuti conseguente all’arrivo dei turisti, di un’emergenza nelle discariche che non fanno scaricare più di un quantitativo prefissato e insufficiente o, peggio ancora, di discariche in cui si conferiscono rifiuti provenienti anche da fuori regione». In conclusione, Fli invita la Regione «a fare frutto delle problematiche degli scorsi anni e adoperarsi per attuare sia un piano specifico relativo al problema rifiuti, sia un piano straordinario in caso di emergenza» e inoltre chiede «di sapere quali iniziative concrete siano state prese in tema di depurazione dal Governo regionale, deputato alla salvaguardia dell’ambiente, principale risorsa di reddito e salute della nostra martoriata terra».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.