Legami e abitudini

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

274a-abitudini

Legami e abitudini.

Fumare viziosamente, giocare ripetutamente d’azzardo, frequentare letture e film porno… Molta gente vorrebbe migliorare, ma non si decide a troncare certe abitudini. Quanta gente annaspa e si agita tutto il giorno senza approdare a nulla perché non si libera davvero dai legami e dalle abitudini vischiose. E così tante persone rischiano di ritrovarsi sempre al punto di partenza nonostante si dicano convinte di sforzarsi per migliorare il proprio stato… perché restano legate a inutili e spesso dannose abitudini.

Una sera, due turisti che si trovavano in un camping sulle rive di un lago decisero di attraversare il lago in barca per andare a «farsi un bicchierino» nel bar situato sull’altra riva.
Ci rimasero fino a notte fonda, scolandosi una discreta serie di bottiglie.
♦ Quando uscirono dal bar ondeggiavano alquanto, ma riuscirono a prendere posto nella barca per intraprendere il viaggio di ritorno.
♦ Cominciarono a remare gagliardamente. Sudati e sbuffanti, si sforzarono con decisione per due ore.
Finalmente uno disse all’altro:
– Non pensi che a quest’ora dovremmo già aver toccato l’altra riva, da un bel po’ di tempo?
– Certo! – rispose l’altro – Ma forse non abbiamo remato con abbastanza energia.
♦ I due raddoppiarono gli sforzi e remarono risolutamente ancora per un’ora.
Solo quando spuntò l’alba constatarono stupefatti che erano sempre allo stesso punto.
Si erano dimenticati di slegare la robusta fune che legava la loro barca al pontile.
(fonte: Storie di Bruno Ferrero).

tante persone rischiano di ritrovarsi sempre al punto di partenza nonostante si dicano convinte di sforzarsi per migliorare il proprio stato... perché restano legate a inutili e spesso dannose abitudini.
Tante persone rischiano di ritrovarsi sempre al punto di partenza nonostante si dicano convinte di sforzarsi per migliorare il proprio stato… perché esse restano legate a inutili e spesso dannose abitudini.
Condividi l'articolo