Liberamente…Differenziata!

Un successo l’iniziativa realizzata a Brattirò

Il prof. Francesco Barritta, giornalista della Gazzetta e direttore del mensile locale “Tropea e dintorni”, ha avuto il compito di moderare l’incontro

Laghi, Cavalcanti, De Luca, Barritta, Napoli
Laghi, Cavalcanti, De Luca, Barritta, Napoli

Tutto è stato perfetto al convegno dal titolo “Ambiente e Salute – Tutti a raccolta… differenziata!” La sala conferenze di Brattirò, messa a disposizione dall’associazione Enotria, era gremita di gente, segno di un notevole interessamento dei cittadini che, con la loro presenza, hanno dimostrato di aver molto apprezzato questa prima iniziativa organizzata da “Liberamente”, l’associazione politico culturale nata lo scorso autunno, assieme a Trio Italia Onlus e ISDE – Medici per l’ambiente. Dopo i saluti del dottor Domenico D’Agostino, vice presidente dell’associazione e del sindaco di Drapia Alessandro Porcelli, l’introduzione è stata affidata all’avv. Giuseppe Rombolà, che ha sottolineato “l’importanza di aver trovato i fondi per strutturare la raccolta differenziata sul comune di Drapia, che permetterà di non dover dipendere da vari finanziamenti”.
Il prof. Francesco Barritta, giornalista della Gazzetta e direttore del mensile locale “Tropea e dintorni”, ha avuto il compito di moderare l’incontro.
Il primo degli importanti relatori che hanno dato vita al convegno sull’ambiente di Drapia è stato i dottor Egidio De Luca, presidente di Trio Italia e componente della commissione di valutazione di investimenti per la gestione degli interventi ambientali presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. De Luca, offrendo le sue esperienze in qualità di membro di importanti Commissioni del Ministero dell’Ambiente, tra Campania e Calabria, è giunto alla conclusione che l’unica via percorribile nel campo della gestione dei rifiuti è quella della Raccolta differenziata. “Per ogni tre tonnellate di rifiuti – ha detto De Luca – uno viene riutilizzato, uno diventa scarto e un’altro, il più importante, serve come educazione ambientale”. Gli ha fatto sponda il professor Barritta, che ha invitato l’assessore all’ambiente del comune di Drapia, Romania Mazzitelli, a svolgere un lavoro di sensibilizzazione sul territorio partendo dalle scuole. È stata quindi la volta di Ferdinando Laghi, referente per la Calabria di Medici per l’ambiente (Isde). Laghi ha relazionato sui danni all’ambiente e alla salute umana provocati dagli inceneritori e dalle micro particelle che da questi vengono emesse. “Su ogni tonnellata incenerita – ha spiegato – il trenta percento diventa prodotto inquinante da smaltire, mentre almeno un’altro ottanta per cento viene reimmesso nell’ambiente sotto forma di particelle inquinanti. Il processo che porta alla riduzione della spazzatura genera quindi materiali più inquinanti per l’ambiente di quelli lavorati dall’inceneritore”.


[nggallery id=91]


A chiudere la serie di relazioni degli esperti è stato un tecnico. Si tratta dell’ingegner Fabio Cavalcanti, che in un’interessante relazione si è occupato di inquinamento elettromagnetico. Il dottor De Luca ha voluto fare una breve introduzione sul lavoro politico che Cavalcanti svolge come consigliere comunale di Diamante, per una proposta sui ricevitori installati sul territorio comunale, che De Luca si augura “possa diventare legge regionale”. Ha concluso, infine, Angela Napoli, membro della commissione parlamentare Antimafia, che si è soffermata sui rapporti tra mafia e politica relativamente ai finanziamenti destinati all’ambiente, portando come esempio il caso dell’inceneritore di Gioia Tauro. La Napoli ha inoltre invitato tutti i presenti a non assumere il ruolo di elettori passivi, ma di divenire parte attiva e di “fungere da elemento di controllo sui politici” affinché il territorio possa essere governato meglio. Le brevi conclusioni, tracciate da Barritta, possono riassumersi con la metafora utilizzata per chiudere il convegno: “l’ambiente – ha detto il giornalista – è donna, per cui, per dare il meglio di sé, ha bisogno di tre cose essenziali: di intelligenza, di amore, e di essere trattata con molta gentilezza”.

Condividi l'articolo