M5S: Tagliamo le pensioni d’oro

Aumentare le pensioni minime con il recupero delle risorse

Stop privilegi, il M5S fa discutere in aula il taglio delle pensioni d’oro

Dalila Nesci Cittadina 5 stelle  Eletta alla Camera dei Deputati - Circoscrizione Calabria
Dalila Nesci Cittadina 5 stelle
Eletta alla Camera dei Deputati – Circoscrizione Calabria

È iniziata ieri la discussione alla Camera dei Deputati della Mozione del Movimento 5 Stelle per tagliare le pensioni d’oro (quelle da 30-40 mila euro al mese) e aumentare le pensioni minime (quelle da 495 euro al mese).
La mozione, sottoscritta anche dalla parlamentare tropeana Dalila Nesci, è una richiesta forte per fermare i privilegi e dare una mano alla ripresa dei consumi: ai maxi-pensionati è richiesto un robusto contributo di solidarietà in favore delle pensioni minime.
Con la mozione del M5S si aggirano così dei rilievi di una sentenza del 2013 della Corte Costituzionale. Se votata dal Governo, la mozione ridarà dignità ai pensionati minimi, con 520 euro in più all’anno.

Dichiara la deputata Nesci: “Ora che ci sono persone costrette a rubare gli alimenti al supermercato, la politica non può trincerarsi dietro ai diritti acquisiti dei pensionati privilegiati come Giuliano Amato, Lamberto Dini e tanti altri. La nostra mozione è un’opportunità importante per dimostrare concreta solidarietà a chi ha bisogno”.
La mozione sarà votata entra questa settimana, vi terremo aggiornati.

VIDEO ALLA CAMERA CON IL DEPUTATO M5S GIORGIO SORIAL: http://www.youtube.com/watch?v=DljxbMfJMlA&feature=youtu.be

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.