Madre Teresa e il piccolo Ciprian

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

238a-Ciprian-MadreTeresa

Madre Teresa e il piccolo Ciprian.

Quando un incontro salva la vita. Abbandonato dalla madre alla nascita per la sua disabilità, Ciprian è diventato attore, pittore e campione di nuoto vincendo l’oro alle Special Olympics 2014. –  Sono prossime le Paralimpiadi di Rio 2016 (Jogos Paralímpicos de Verão 2016) che saranno la quindicesima edizione dei giochi estivi dedicati ad atleti con disabilità, e si svolgeranno a Rio de Janeiro (Brasile) dal 7 settembre al 18 settembre 2016. Ad affrontarsi nelle 23 discipline paralimpiche, saranno oltre 4.300 atleti provenienti da 176 Paesi del mondo. – Ma qui è la coraggiosa iniziativa della prossima Santa, Madre Teresa, a darci suggerimenti preziosi per lavorare con i disabili.

Ciprian e Madre Teresa
♥ Abbandonato dalla madre alla nascita per via della sua disabilità, il destino di Ciprian sembrava ormai segnato in un orfanotrofio in Romania, dove non aveva accesso alle cure necessarie. Fino al giorno in cui Madre Teresa di Calcutta non lo ha portato in Italia per rivestire di dignità la sua vita e dove qualche anno più tardi tornerà per essere la sua madrina di battesimo.
Da 20 anni Ciprian vive al Serafico di Assisi dove è diventato un attore negli spettacoli del laboratorio teatrale e ha vinto la medaglia d’oro per il nuoto alle Special Olympics del 2014.
♦ Anche Ciprian, come migliaia di bambini, ha avuto un destino diverso da quello che gli si prospettava grazie alla suora albanese che verrà proclamata Santa domenica 4 settembre. Il giovane era nato con le ossa del cranio non saldate e per questo era stato abbandonato alla nascita dalla madre in un orfanotrofio “per casi incurabili”.
 Durante una visita in quell’istituto, Madre Teresa di Calcutta, rimase colpita dalla tragicità della storia di Ciprian al punto da decidere di portare via con sé il bambino per farlo operare a Roma al Policlinico Gemelli e trovargli successivamente una famiglia adottiva.
“Nell’impossibilità di trovare una mamma e un papà, le Suore della Carità bussarono alla porta del Serafico. Da allora siamo noi la sua famiglia” racconta Francesca Di Maolo, presidente del Serafico di Assisi, modello di eccellenza italiana ed internazionale nella riabilitazione, nella ricerca e nell’innovazione medico scientifica per i ragazzi con disabilità plurime.
“In una società che esclude a priori la fragilità, noi diciamo e testimoniamo che la pienezza delle vita è sempre possibile”, spiega Di Maolo.
♦ Sono passati quasi 20 anni da allora e oggi Ciprian continua a vivere al Serafico, dove è diventato un attore negli spettacoli del laboratorio teatrale, un pittore al laboratorio grafico, un marciatore, tale da affrontare un tratto del cammino di Santiago de Compostela, un campione di nuoto che ha vinto la medaglia d’oro alle Special Olympics nel 2014.
È anche uno straordinario smontatore di oggetti: “Gli è sempre piaciuto smontare tutto, un giocattolo, un mobiletto, un tavolo, una volta ha smontato anche una porta. Smontare gli oggetti per Ciprian significa conoscerli, scoprire tutti i dettagli, avere la certezza che ogni pezzetto, anche il più piccolo, ha un ruolo ed è prezioso”, racconta un’assistente sociale del Serafico.
(fonte: zenit.org, 31 agoto 2016).

iI destino di Ciprian sembrava ormai segnato in un orfanotrofio in Romania, dove non aveva accesso alle cure necessarie. Fino al giorno in cui Madre Teresa di Calcutta non lo ha portato in Italia per rivestire di dignità la sua vita e dove qualche anno più tardi tornerà per essere la sua madrina di battesimo.  Da 20 anni Ciprian vive al Serafico di Assisi dove è diventato un attore negli spettacoli del laboratorio teatrale e ha vinto la medaglia d’oro per il nuoto alle Special Olympics del 2014.
Il destino di Ciprian sembrava ormai segnato in un orfanotrofio in Romania, dove non aveva accesso alle cure necessarie. Fino al giorno in cui Madre Teresa di Calcutta non lo ha portato in Italia per rivestire di dignità la sua vita.- Da 20 anni Ciprian vive al Serafico di Assisi dove è diventato un attore negli spettacoli del laboratorio teatrale e ha vinto la medaglia d’oro per il nuoto alle Special Olympics del 2014.
Condividi l'articolo