Missione vocazionale del Seminario Vescovile di Mileto

“Seguimi … sulla tua parola getterò le reti”

In tre anni saranno visitate tutte le parrocchie della diocesi

La Cattedrale di Mileto - foto Libertino
La Cattedrale di Mileto – foto Libertino
Inizierà oggi pomeriggio, sabato 19 ottobre, dalla parrocchia della SS. Trinità a Mileto la missione vocazionale del Seminario Vescovile.
Una Missione Vocazionale, quella del Seminario Vescovile, senza precedenti nella storia della Diocesi di Mileto che raggiungerà in tre anni (2013-2016) tutte le Parrocchie del comprensorio diocesano e vedrà coinvolta non solo l’equipe formativa del Seminario Minore, ( il Rettore Don Francesco Sicari e il vice-Rettore Don Gerardo) ma anche i tre giovani della comunità propedeutica a cui si aggiungeranno di volta in volta tre seminaristi liceali.
“Quando la Chiesa diventa chiusa, si ammala. Pensate ad una stanza chiusa per un anno; quando tu vai, c’è odore di umidità, ci sono tante cose che non vanno. Una Chiesa chiusa è la stessa cosa: è una Chiesa ammalata. La Chiesa deve uscire da se stessa. Dove? Verso le periferie esistenziali, qualsiasi esse siano, ma uscire. Gesù ci dice: “Andate per tutto il mondo! Andate! Predicate! Date testimonianza del Vangelo!” (cfr Mc 16,15)”.
“Le parole di Papa Francesco” -afferma Don Sicari- “rappresentano la conferma della giusta direzione di un progetto a cui pensavo già da tempo. La comunità del Seminario Minore non vuole rimanere “chiusa”, ma vuole uscire dalla struttura in cui vive la sua quotidianità per raggiungere le periferie della diocesi e portare con semplicità ed amore l’annuncio di Cristo, che chiama ed invita a lavorare nella sua vigna.
Fine ultimo del progetto sensibilizzare le comunità parrocchiali a pregare per le vocazioni e in particolare per le vocazioni al presbiterato. “Sono convinto sempre più” –continua Don Sicari- “che i parroci abbiano bisogno di sentire rivolto anche a loro l’invito a lavorare affinché i giovani diano la loro disponibilità al Signore, vogliamo coinvolgere i catechisti, le famiglie e tutti coloro che si occupano di formazione e di accompagnamento, presenteremo la vita del nostro Seminario e racconteremo dell’incontro che ci ha cambiato la vita, quello con Gesù”.
Ad accompagnare il gruppo del Seminario Vescovile in questa esperienza di missione sarà un’ Icona della Madonna realizzata a mano dal diacono Francesco Murfuni di Vibo Valentia, un’immagine unica che presenta la Vergine Maria con in mano il libro delle Scritture dove è riportata la frase di Gesù: “pregate il padrone della messe perché mandi operai nella sua messe.”
Sull’Icona è incisa inoltre la frase di Maria “Eccomi sono la serva del Signore”, frase che ricorda il si e l’eccomi di Maria, modello di ogni vocazione e che dà origine al nome dell’Icona “ Ancilla Domini”. La presenza dell’Icona in questo viaggio vuole ricordare il primato della preghiera per le vocazioni, lo stesso Papa Francesco, parlando ai seminaristi a Luglio, ha affermato: “Nel Vangelo abbiamo ascoltato: «Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe» (Lc 10,2). Gli operai per la messe non sono scelti attraverso campagne pubblicitarie o appelli al servizio della generosità, ma sono «scelti» e «mandati» da Dio. E’ Lui che sceglie, è Lui che manda, è Lui che manda, è Lui che dà la missione. Per questo è importante la preghiera.”
La missione si svolgerà nei giorni di sabato e domenica e durante i giorni di permanenza nelle parrocchie si terranno oltre la celebrazione dell’eucaristia, una veglia di preghiera, la recita del rosario, la visita agli ammalati e gli incontri con i catechisti, i ragazzi e i giovani.
Per l’anno 2013-2014 sono previste 17 tappe della missione vocazionale. Dopo Mileto, le tappe della missione già stabilite saranno San Calogero, San Cono e San Marco di Cessaniti, Parghelia, Acquaro, Zaccanopoli, Rombiolo, Soriano Calabro, Tropea, Vibo Marina, Sant’Onofrio, Filadelfia, San Nicola da Crissa e Pannaconi.

Condividi l'articolo
Caterina Sorbilli
Caterina Sorbilli

Docente nelle scuole del I ciclo, collaboratrice storica di Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritta all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.