Morire di sete vicino alla sorgente

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Morire di sete vicino alla sorgente.

Nella nostra vita accadono storie che stentiamo a capire, come quella di oggi: morire ad un passo dalla salvezza. E ciò accade in varie forme ed occasioni: dopo essere appena andati in pensione, dopo che si è messi a posto la nuova casa, dopo aver inaugurato una nuova realtà economica. E sembra che sia tutto uno scherzo del crudele destino o (peggio) di un castigo divino. Ognuno può valutare liberamente e farsene una ragione. Ma se si arriva a vedere questi eventi alla luce della vera sapienza questi eventi potranno insegnarci qualcosa. Ricordiamo l’ammonimento di Gesù: “Siate pronti, con la cintura ai fianchi e le lucerne accese…” (Luca 12, 32). – Il tempo è dono di Dio e va impegnato a realizzare il bene “hic et nunc” (= qui e ora) dove viviamo!

Quarant’anni fa in Brasile accadde un fatto triste: un aereo stava sorvolando la foresta amazzonica quando si ruppe il motore.
Il pilota era molto abile e riuscì a trovare una radura: atterrò senza nessuno ferito grave.
♦ Ma sorse un problema: tutti gli apparecchi di comunicazione era rotti. Poiché non c’era ancora il telefono cellulare, non era possibile comunicare con il mondo.
♦ Poiché avevano poca acqua e non c’era acqua, morirono tutti di sete.
Una settimana dopo i soccorritori furono in grado di localizzare l’aereo e i cadaveri.
Ne mancava uno, quello di un uomo, che fu trovato giorni dopo. Aveva attraversato il bosco in cerca di acqua e morì a poche decine di metri da una sorgente di acqua cristallina.
Accanto a lui c’era il diario che aveva scritto, in cui descriveva poeticamente le bellezze dell’acqua.
Che peccato! Morì di sete nelle vicinanze della sorgente.

Anche noi abbiamo una sorgente cristallina vicina. Gesù Cristo. Non mettiamoci a rischio di morire di sete non bevendo la sua Acqua Viva. Piuttosto, beviamone al massimo e distribuiamola agli altri.
«Chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna» (Giovanni, 4,14).

La Madonna fu il buon terreno in cui Dio Padre fece sgorgare la fonte di Acqua viva, suo Figlio.
Com’è bello stare insieme a Lei e avere il suo sostegno di Madre!

(Fonte: Historinhas do Padre Queiroz, redentorista brasiliano).

Si può morire di sete nelle vicinanze della sorgente? Avere l’acqua vicino e non trovarla? – Anche noi abbiamo una sorgente cristallina vicina. Gesù Cristo. Non mettiamoci a rischio di morire di sete non bevendo la sua Acqua Viva. “Chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna” (Vangelo di Giovanni, 4,14).

Condividi l'articolo