Nel ricordo di Achille Mazza

Al maresciallo intitolata la Caserma di San Calogero

Morì in servizio svolgendo il suo lavoro

Il maresciallo Achille Mazza

Domani alle ore 10.00 circa presso la Stazione dei Carabinieri di San Calogero si svolgerà la cerimonia di intitolazione della Caserma ad Achille Mazza, Maresciallo Maggiore dei Carabinieri nato a San Calogero, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Civile “alla memoria”, deceduto il 23 marzo 1992 nell’adempimento del dovere quale Comandante della Stazione dei Carabinieri di Amantea.
Nel corso della cerimonia sarà scoperta la targa di intitolazione della Stazione, donata dall’Amministrazione Comunale di San Calogero in ricordo dell’accaduto, che sarà apposta all’interno della Caserma.
Interverranno il Comandante della Legione Carabinieri Calabria, Generale di Brigata Adelmo Lusi, S.E. il Prefetto di Vibo Valentia, D.ssa Luisa Latella, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Vibo Valentia, Tenente Colonnello Giovanni Roccia, il Sindaco del Comune di San Calogero, Avv. Dott. Nicola Brosio e altre autorità provinciali.

 

L’omicidio del Maresciallo Maggiore Achille Mazza scosse molto l’opinione pubblica.
Alle ore 8.30 del 23 marzo 1992, ad Amantea (CS), un cittadino del luogo, inaspettatamente e per futili motivi, esplodeva alcuni colpi d’arma da fuoco contro l’autovettura di un suo coinquilino, con cui si erano generati dei contrasti.
Nell’immediatezza interveniva una pattuglia della locale Stazione Carabinieri raggiunta poco dopo anche dall’allora Comandante di Stazione, Mar. Magg. Mazza Achille, il quale iniziava una paziente opera di persuasione nei confronti del reo, che nel frattempo si era barricato all’interno della propria abitazione.
Tuttavia, nel corso di tale opera di convincimento, quest’ultimo esplodeva contro il Sottufficiale quattro colpi di fucile, i quali lo attingevano mortalmente.
Nell’occorso rimaneva ferito anche il capo Equipaggio. Alle ore 12.10 successive, il malfattore veniva tratto in arresto. A seguito dell’episodio sopra riportato, il Mar. Magg. Achille Mazza veniva insignito della Medaglia d’Oro al Valor Civile alla memoria con la seguente motivazione:
“Comandante di Stazione, appreso che un individuo aveva inopinatamente esploso dalla propria abitazione alcuni colpi di fucile contro un’autovettura in sosta, accorreva per dirigere militari dipendenti già intervenuti e con spiccato senso del dovere e cosciente sprezzo del pericolo, avviava paziente opera di persuasione a desistere dall’inconsulto comportamento, rimanendo mortalmente ferito da proditoria azione di fuoco”.

Amantea (CS), 23 marzo 1992

Condividi l'articolo