“No Anorexia”: convegno promosso dall’Istituto Superiore di Tropea

Da dichiarazione della dirigente Beatrice Lento

Campagna promossa dall’Istituto Superiore di Tropea con il patrocinio della Camera di Commercio di Vibo V. e della Fondazione Santo Lico

Il Museo Diocesano di Tropea - foto Libertino
Il Museo Diocesano di Tropea – foto Libertino
Domani, 29 Aprile, alle ore dieci, presso il salone del Museo Diocesano si chiuderà la campagna di sensibilizzazione sull’anoressia nervosa promossa dall’Istituto Superiore di Tropea con il patrocinio della Camera di Commercio di Vibo Valentia e della Fondazione Santo Lico.
L’iniziativa, che si inserisce nel progetto laboratorio di genere denominato Mnemosyne, ha registrato un forte impegno degli studenti di tutti gli Indirizzi di studio dell’Istituto che sono stati guidati ad approfondire la problematica a partire dalla lettura e commento di un libro – stimolo. Di poi si è proseguito con l’elaborazione di manifesti di denuncia e informazione diffusi in tutte le scuole della provincia. Un momento assai significativo è stato anche il concorso,riservato ai ragazzi dell’Istituto tropeano , dal nome assai esplicativo “I’m a girl (boy) e mi piaccio cosi come sono”.
Trentaquattro studenti hanno risposto all’appello producendo altrettanti racconti illustrati.
Il convegno di martedì rappresenta la conclusione del percorso sviluppato nel corso dell’intero anno scolastico ed oltre a prevedere il riconoscimento dei racconti vincitori, uno per il biennio ed uno per il triennio, (i premi saranno offerti dai due enti patrocinatori) registrerà gli interventi del neuropsichiatra Bruno Pisani , presidente dell’associazione di volontariato Mi.Pi.Aci. e della volontaria, psicologa Angela Ioculano che affronteranno la problematica dell’anoressia anche nella prospettiva di un aiuto concreto ai giovani e alle famiglie. Al presidente della giuria tecnica del concorso, prof. Luciano Meligrana, spetterà poi il compito di illustrare i racconti e di evidenziare le motivazioni che hanno determinato la scelta dei due vincitori.
“Il problema dell’anoressia ci tocca da vicino perché più volte, negli anni, abbiamo sofferto assieme alle famiglie e agli studenti che lo hanno vissuto in prima persona. La sensazione di impotenza che si prova di fronte a un giovane con l’ossessione del cibo è terribile e a volte paralizza ogni iniziativa di intervento con perdite di tempo che potrebbero essere fatali. Non di rado, poi, intervengono meccanismi di difesa che inducono i genitori a minimizzare o addirittura a negare l’evidenza ed anche in questo caso si rischia grosso. E’ importante, invece, prendere coscienza della gravità della patologia e correre subito ai ripari attraverso l’intervento di efficaci strutture specializzate. E’ attivo il numero verde SOS disturbi alimentari 800180969, 24 ore al giorno, da lunedì a venerdì che offre consulenza immediata e indicazioni sulle strutture sanitarie certificate, presenti nelle varie regioni italiane. Il consiglio che ci sentiamo di dare alle famiglie è quello di non sottovalutare la patologia illudendosi di risolverla da soli. Non servono né la costrizione né l’amorevolezza, è indispensabile, invece, la cura adeguata in centri specialistici affidabili”

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.