“Non siamo il centrodestra”

Uniti per Parghelia è una lista civica

Parla il neo eletto Diego Vasinton

Diego Vasinton - foto archivio Tropeaedintorni.it
Diego Vasinton – foto archivio Tropeaedintorni.it

“Uniti per Parghelia” lista di centro-destra? Macché! Non ci stanno i componenti della nuova giunta ad essere etichettati come uomini di partito. Alla base dell’equivoco vi è una trionfale dichiarazione sbandierata il 7 dicembre dal prof. Raffaele Arcella in occasione dell’incontro politico organizzato dal consigliere provinciale Nino Macrì e che ha visto tra i partecipanti anche il candidato alla regione del Pdl Giuseppe Scopelliti. Il responsabile provinciale dei Popolari europei, infatti, volendo forse far presa sulla platea locale, riferendosi alla fresca vittoria della lista civica pargheliese capeggiata da Maria Brosio sulla compagine avversaria del PD, aveva voluto esprimere dal palco del “La Pace” di Drapia i suoi personali complimenti al nuovo «sindaco del centro destra, che sarà affiancata da due nostri giovani ai quali ha dato importanti deleghe, ovvero la dottoressa Anna Sambiase e il giovane Diego Stacciuoli».

A voler prendere le distanze da quelle dichiarazioni, che sono state in seguito più volte riprese dalla stampa e da vari esponenti del mondo politico, sino a connotare l’intera maggioranza come espressione del centro-destra, è il dottor Diego Vasinton. «In qualità di Consigliere Comunale di Maggioranza – scrive Vasinton in un comunicato stampa – voglio chiarire alcuni punti che, a mio avviso, sono di importanza fondamentale per il prosieguo della vita dell’Amministrazione». Questo esordio non lascia dunque spazio a dubbi: per partire bene c’è bisogno di mettere i puntini sulle “i”. «Ritengo – spiega perciò il consigliere – che chi ha cercato di mettere il cappello di appartenenza al centro-destra di alcuni componenti importanti della Lista , non ha certamente reso un buon servigio alla maggioranza, anzi ha tentato di minare fin dal suo nascere la vitalità della stessa ed ha reso un favore alla minoranza consiliare». Un attacco bello e buono, insomma, che ha provocato questa accesa risposta e avrebbe addirittura portato acqua al mulino del PD. E se qualcuno avesse ancora dubbi, Vasinton precisa la sua personale posizione: «Intento chiarire che la maggioranza, uscita vincente dalle elezioni comunali, si connota come Lista Civica e ha come obbiettivo fondamentale la crescita, lo sviluppo del paese ed il benessere dei suoi cittadini, non certamente quello di seguire le logiche dei partiti, che spesso portano a scelte politiche-amministrative in direzione di interessi politici e non dell’interesse del territorio e dei cittadini, e possono portare anche alla rottura della maggioranza». Sono parole pesanti, che lasciano intendere quanto sia forte il desiderio di Vasinton di non ascrivere ad alcun partito o di non legare a forze politiche esterne la compattezza e la salute futura del gruppo di neo eletti. Su questo punto, però, Vasinton riconosce come possa essere «evidente che ognuno dei componenti della maggioranza» abbia «una sua visione della politica e le sue legittime convinzioni, e liberamente aderisce a questo o quel partito, ma ciò non interferisce, né influisce sull’operato della maggioranza». Quanto detto non significa però una levata di scudi nei confronti di chi è militante, perché Vasinton, dimostrando di avere a cuore unicamente il bene di Parghelia, nelle sue conclusioni, e questa volta facendolo a nome di tutti, scrive: «saremo grati a tutti i partiti politici che aiuteranno questo nuovo processo di crescita della Città».

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.