Ad Auschwitz per non dimenticare

La classe III B e una rappresentanza di alunni delle altre terze, della Scuola Media “ G. Toraldo, dell’Istituto Comprensivo “ Don Francesco. Mottola “ di Tropea, diretto dal Dirigente Scolastico Prof. F. Laganà, in conclusione di un percorso di studio sulla Shoah, nei giorni scorsi hanno visitato i luoghi dell’Olocausto in Polonia.
E’ stata un’esperienza ricca di emozioni e di grande coinvolgimento non solo per i ragazzi, ma anche per i genitori che hanno partecipato al viaggio e per i docenti accompagnatori, Cati La Rocca, Catina Ventrice e Anna Romano.
Gli alunni, in questi anni, hanno seguito con interesse lo studio di questa triste pagina di storia che ha fatto inorridire il mondo, attraverso la lettura di libri e la visione di films e documentari storici e visitando anche il Campo di Concentramento Fascista “ Ferramonti “ di Tarsia, in provincia di Cosenza.

Una visita ad Auschwitz

Il 27 gennaio 1945, i soldati dell’Armata Rossa aprivano i cancelli del campo di concentramento nazista della città polacca di Oswiecim, nota con il nome tedesco di Auschwitz, liberando i pochi superstiti. A questo luogo di dolore sono arrivato anch’io in uno dei miei viaggi missionari.

“Il giorno della memoria”

Il 9 febbraio nella bibblioteca Comunale a Tropea si è celebrato i “Il giorno della memoria” protagonista dell’evento Domenico Cortese che ha raccontato alla platea di cittadini e studenti i suo giorni di patimenti subiti.
Si celebra il 27 gennaio, il Giorno della memoria, per ricordare le vittime della Shoah ma anche l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz e la liberazione del più grande campo di sterminio nazista, avvenuta nel 1945.
Una giornata che cambiò la storia del Novecento e la percezione dei crimini del regime nazista.