“Culture a confronto”, i video della IV edizione 2016

Non solo spettacolo, Tropea ha vissuto anche un grande momento di aggregazione e di confronto culturale particolarmente rilevante in un periodo, come quello attuale, segnato dai gravi conflitti internazionali. Nel corso della serata, è stato, infatti, consegnato il Premio “Culture a confronto” ad alcune personalità illustri che si sono distinte nel campo sociale, culturale e religioso a sostegno del valore dell’interculturalità come veicolo di pace tra i popoli.

“Culture a confronto”, un successo la IV edizione

Tropea anche quest’anno si è confermato quale cuore pulsante dell’accoglienza e dell’integrazione al centro del Mediterraneo. E’ stato un vero tripudio di ritmi, colori e costumi quello offerto dalla quarta edizione di “Culture a Confronto”, festival mondiale della cultura popolare, che si è svolta con successo sabato e domenica scorsi nella suggestiva cornice della marina dell’isola di Tropea.

Un tropeano che viene dall’Est

Quella che stiamo per raccontarvi è la storia di un giovane tropeano, nato 14 anni or sono nella lontana e fredda Bielorussia. È la storia del piccolo Dimitri, per tutti Dima, e del suo sogno di trovare una famiglia, in cui poter crescere felice e trovare affetto. Lo stesso sogno che accomuna i tantissimi bambini, ospiti degli orfanotrofi di tutto il mondo.
Questa storia ha inizio nel 2003, quando Salvatore Caprera viene contattato dall’associazione Kuore, che gli chiede la disponibilità ad ospitare un piccolo orfano per le vacanze estive e dargli, così, l’opportunità di trascorrere qualche settimana al mare.