Polemiche sulle primarie del PD

Riceviamo e pubblichiamo

Continua la polemica sulle candidature del vibonese per la lista del PD in vista delle primarie del 29 dicembre p.v.

In una lettera inviata al coordinatore provinciale del PD Michele Mirabello, riportata dalla stampa locale, Pino Vita, capogruppo consiliare del Pd al comune di Parghelia, sottolinea come in una provincia come quella vibonese, “in cui i diritti basilari degli iscritti risultano da tempo “sospesi”e gli iscritti non possono eleggere democraticamente i loro rappresentanti provinciali, c’è il rischio che nel turno conclusivo delle primarie la ricerca del voto, senza una discussione politica preventiva aperta e leale, sia condizionata da valutazioni e spinte personalistiche che altererebbero il valore innovativo che lo stesso segretario nazionale Bersani ha attribuito, anche per la mancata modifica della legge elettorale, alla competizione del 29 p.v.
E’, pertanto necessaria una riunione -che già in precedenza ti avevo sollecitato- dei segretari di circolo e di consiglieri comunali del Pd per discutere, alla presenza degli stessi candidati, le ragioni politiche della loro candidatura.
Si tratta, ovviamente, di un’iniziativa politica e non di un esame burocratico, per coinvolgere nella scelta la più ampia platea, sottraendo le candidature presentate, tutte valide e ineccepibili,ad una conta numerica che pregiudicherebbe il potenziale politico espresso dai circoli nelle precedenti primarie”.

Il leader del gruppo di minoranza del Pd Pino Vita
Il leader del gruppo di minoranza del Pd Pino Vita

Pino Vita ricorda di aver sostenuto l’iniziativa dei circoli, la cui auto-convocazione ha determinato il varo di un organismo provinciale provvisorio del partito e sottolinea di avere apprezzato che la scelta del coordinatore sia caduta su Michele Mirabello.
Conclude infine “Ritengo, però, che le funzioni politiche che ne sono derivate debbano essere svolte nel più stretto raccordo con la base che va informata e consultata in ogni occasione. Nella fase preliminare della presentazione delle candidature del vibonese tale linea è mancata, per cui si è avuta la sensazione che il coordinatore provinciale abbia voluto restringere la platea dei possibili candidati per proteggere scelte decise in precedenza.
Se non si supera tale impressione con il confronto pubblico che ti propongo o con altre forme che tu riterrai opportune, la ricerca del voto dei singoli candidati e le comprensibili pressioni sugli iscritti rischiano di compromettere, irrimediabilmente, l’impegno e le grandi potenzialità dei circoli e rendere meno credibile sul piano politico il ruolo del coordinatore provinciale, svolto finora con equilibrio e responsabilità.

Pino Vita
Capogruppo Consiliare del PD di Parghelia

Condividi l'articolo