Importante prestigioso incarico a don F. Sicari

La cerimonia domenica 27 settembre alle ore 18:00 alla presenza del Vescovo Renzo

Don Francesco parroco della parrocchia S. M. degli Angeli di Paravati

Don Francesco Sicari
Don Francesco Sicari

Un altro e importante prestigioso incarico e servizio ecclesiale è stato affidato dal Vescovo della Diocesi Mons. Luigi Renzo a don Francesco Sicari, sacerdote tropeano e nostro collaboratore.

Infatti nella giornata del 15 settembre, è stata annunciata dal Vescovo la nomina di Don Sicari a parroco della parrocchia S. Maria degli Angeli di Paravati.

Paravati è la frazione più grande del comune di Mileto, con quasi 3.000 abitanti ed è un centro conosciuto in tutto il mondo per essere il paese natale della mistica Natuzza Evolo, morta nel 2009 e di cui si attende l’apertura del processo di beatificazione.

Ogni anno, infatti, diverse migliaia di persone giungono a Paravati nel parco della Villa della Gioia, il complesso architettonico a sfondo religioso e assistenziale che la Fondazione Cuore Immacolato di Maria rifugio delle anime ha realizzato e che costituisce l’eredità che la mistica Natuzza Evolo ha voluto lasciare a tutti i suoi devoti.

Don Francesco Sicari succede a don Pasquale Barone, che per 35 anni ha guidato la comunità di Paravati e promuovendo e seguendo nel corso degli anni lo sviluppo del carisma e dell’opera di mamma Natuzza.

Per don Sicari si apre una nuova e significativa pagina della sua missione sacerdotale a completamento di un percorso ventennale che lo ha visto ricoprire il servizio di parroco nelle parrocchie di San Marco e San Cono di Cessaniti dal 1996 al 2000, in quella di Zaccanopoli dal 2000 al 2011 e poi assumere diversi servizi negli uffici diocesani: direttore dell’Ufficio per le vocazioni e per il diaconato permanente e i ministeri fin dal 1998, Rettore del Seminario diocesano dal 2011 e ultimamente dal marzo di quest’anno direttore dell’Ufficio regionale per la pastorale delle vocazioni, con nomina dei Vescovi Calabresi.

Nondimeno importanti sono stati gli anni del servizio come assistente ecclesiastico del gruppo scout di Tropea a contatto con tantissimi ragazzi e giovani del nostro territorio e, da sacerdote oblato, il suo impegno nel rilanciare la rivista “Parva Favilla” fondata dal sacerdote e venerabile Servo di Dio don Francesco Mottola.

Mons. Luigi Renzo lo ha scelto e nominato anche giudice suo delegato nell’istruttoria diocesana sul presunto miracolo attribuito all’intercessione di Don Mottola e nell’istruttoria sulle virtù eroiche della Serva di Dio Irma Scrugli, tutt’ora in corso.

Nel suo nuovo incarico, don Francesco sarà affiancato da un giovane sacerdote che il Vescovo ha nominato come vicario parrocchiale. Si tratta di don Andrea Campennì di 26 anni, originario di Nicotera, sacerdote dal mese di aprile di quest’anno.

La presenza del vice parroco permetterà a don Francesco di non venire meno agli altri numerosi impegni e altresì di guidare con assiduità e attenzione la nuova comunità che attende con ansia di conoscere il suo nuovo pastore.

Raggiunto telefonicamente, dopo l’annuncio della nomina che ha avuto una grande eco nei giornali locali e nei socialnetwork, il nuovo parroco di Paravati ha espresso “la gioia per la fiducia che il Vescovo ha riposto in lui, affidandogli questa particolare porzione del popolo di Dio”.

Nello stesso tempo, ci ha comunicato di avvertire “un senso “buono” di confusione per i tanti messaggi di auguri che sono stati formulati e per le grandi aspettative che i nuovi parrocchiani riversano su di lui”. Don Sicari avverte chiaro la responsabilità che il Vescovo gli affida perché è pienamente consapevole che Paravati è una comunità giovane e numerosa dove è fortemente radicato il senso religioso della vita arricchita dalla presenza del carisma e della spiritualità della mistica Natuzza Evolo. “E’ un luogo santo, scelto da Dio, attraverso la vicenda umana e spirituale di Natuzza, per parlare all’umanità di oggi, smarrita e confusa”.

Ha aggiunto di volere “entrare nella nuova parrocchia in punta di piedi, grato e rispettoso del cammino che lo ha preceduto e del servizio svolto dal suo predecessore don Barone”.

Non si è sbilanciato sulle scelte pastorali nella guida della comunità ma ha sottolineato che vuole conoscere tutti pian piano, soprattutto attraverso il contatto umano con le persone.
Stare in mezzo alla gente, condividendone la vita con le gioie e i dolori sarà l’impegno principale del nuovo parroco, nell’ottica della Chiesa in uscita continuamente richiamata da Papa Francesco.

La cerimonia di ingresso e l’insediamento del nuovo parroco avverrà nella chiesa di Santa Maria degli Angeli di Paravati domenica 27 settembre alle ore 18:00, alla presenza del Vescovo Renzo.

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino
Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.