Preziosissima testimonianza scoperta dal bibliofilo tropeano

Romano Carratelli con orgoglio fa esaminare al Cardinale il codice che porta il suo nome

Auri Afonso Hummes in visita a Mileto ammira il “Codice Carratelli”

Il cardinale Hummes in visita a Mileto vede il Codice Carratelli

Il cardinale brasiliano Auri Afonso Hummes in visita a Mileto per ammirare il codice Carratelli. L’ultra ottuagenario porporato nato nello stato di Rio Grande del Sud da una famiglia di origine tedesca, ha speso parole di apprezzato per il codice di proprietà del suo scopritore, lo studioso nonché appassionato bibliofilo, Domenico Romano Carratelli. L’opera, risalente alla fine del 1500, è la raccolta di una serie di tavole, finemente decorate ad acquarello, che ritraggono e consegnano alla storia il litorale calabro dell’epoca in cui il Vice Re di Napoli commissionò l’opera – pervenuta in perfette condizioni – al fine di poter riorganizzare e migliorare le fortificazioni e le difese costiere che, in quel periodo, sul litorale calabrese sono state messe a dura prova a causa della minaccia turca. Per tali ragioni il codice racconta, a mezzo di una fine arte pittorica e di una doviziosa serie di descrizioni manoscritte, la storia architettonica, paesaggistica e culturale della nostra terra.

Vi potrebbe interessare anche

Condividi l'articolo
Francesco Marmorato
Francesco Marmorato
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.