Prove di incontro con l’altro

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Prove di incontro con l’altro.

La Quaresima è il tempo favorevole per rinnovarsi nell’incontro con Cristo vivo nella sua Parola, nei Sacramenti e nel prossimo.
Il Signore ci indica il cammino da seguire per riscoprire attraverso il dono della Parola di Dio come poter incontrare e servire Cristo presente nei fratelli bisognosi” (Papa Francesco).
– L’altro è un dono… ma quante volte diventa  difficile scoprirlo!

 

Giovanni Paolo II e il prete senzatetto.
♦ Papa Francesco nell’intervista rilasciata al periodico “Scarp de’ tenis” (mensile della strada, progetto editoriale e sociale sostenuto da Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana) ha raccontato un singolare episodio di San Giovanni Paolo II.
Ai tempi del pontificato di Giovanni Paolo II, si scoprì che a Piazza Risorgimento, vicino al Vaticano, era fisso un senzatetto polacco che si scoprì essere un prete che aveva studiato in seminario con Karol Wojtyla.
♦  Così arrivò la voce a Giovanni Paolo II, che sentito il nome confermò di esser stato suo compagno di seminario e decise di incontrarlo.
 Si sono abbracciati dopo quarant’anni, e alla fine di un’udienza il Papa ha chiesto di essere confessato dal sacerdote che era stato suo compagno.
 Francesco parlando del rapporto con i senzatetto ha detto con gravità: “Si può guardare un senzatetto come una persona o come un cane”.
  E i senzatetto capiscono “quando c’è il vero interesse da parte dell’altra persona o quando c’è, un certo sentimento di compassione o peggio di pena.

Nella Quaresima il Signore ci indica il cammino da seguire per riscoprire attraverso il dono della Parola di Dio come poter incontrare e servire Cristo presente nei fratelli bisognosi” (Papa Francesco). – L’altro è un dono… ma quante volte diventa difficile scoprirlo!

Condividi l'articolo