Sgomberi da far rispettare

La polizia municipale sta continuando in questa azione

Il comune di Tropea si riappropria delle case popolari abusivamente occupate

Dott. Francesco Marciano, comandante della Polizia Municipale di Tropea - foto Libertino
Dott. Francesco Marciano, comandante della Polizia Municipale di Tropea - foto Libertino

Il comune di Tropea si riappropria delle case popolari abusivamente occupate.
Il provvedimento ha già interessato alcuni alloggi di provenienza Erp, ora di proprietà comunale, «che fino ad oggi venivano  occupati da persone che non avevano i titoli per farlo legittimamente» precisa il comandante della Polizia municipale di Tropea Francesco Marciano. Le forze di polizia hanno  sfondato la porta degli appartamenti e li hanno requisiti.
Gli alloggi in questione «erano in possesso – spiega Marciano –  di congiunti di persone che ne avevano titolo, ma non ne avevano riscattato la proprietà». Per poterlo fare avrebbero dovuto innanzitutto dimostrare di aver «abitato in quella casa da almeno cinque anni», ha aggiunto l’ufficiale.
Dopo l’intervento delle forze dell’ordine, agli alloggi è stato apposto un nuovo lucchetto e le chiavi sono state consegnate al responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune di Tropea Francesco Grande.
Ci sono ora dei provvedimenti di sgombero firmati dal Comune da far rispettare, oltre a quelli che sono stati già eseguiti, facendo sgomberare le altre eventuali persone che occupano abusivamente case di proprietà comunale. Marciano spiega poi che per giungere a questi risultati si è dovuto procedere con l’ausilio degli uomini dell’arma della locale stazione dei Carabinieri, guidati dal tenente Francesco Di Pinto.
Il metodo per la nuova assegnazione sarà quello di scorrere la graduatoria: «per cominciare ad allocarli – puntualizza infatti il comandante – il Comune è tenuto a seguire l’ordine prestabilito».
La polizia municipale sta continuando in questa azione, per arrivare a requisire tutti gli alloggi abusivamente occupati, «soprattutto quelli oggetto di provvedimento di sgombero ed altri per i quali ancora non si hanno notizie ufficiali». Marciano garantisce infine che nel fare ciò si procederà in maniera capillare «nei limiti di quelle che sono le prescrizioni della prefettura di Vibo Valentia, che ha emanato una circolare alla quale bisogna attenersi, perciò ora si dovranno valutare tutte le condizioni». Questi alloggi, insomma,  si sono resi nuovamente disponibili per quei cittadini che appartengono alle fasce deboli ed hanno urgentemente bisogno di una casa.  Si faranno ora felici alcune famiglie bisognose e si andrà avanti in questa direzione.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.