Quattro amici… pellegrini…

Le foto ed il video del viaggio

Lourdes, Santiago, Fatima e Roma, un cammino come finalità principale la spiritualità

QuattoPellegrini-2
Quattro amici… pellegrini… Salvatore, Enzo, Franco, Gaetano

Il viaggio, molto spesso, è un modo per uscire dalla quotidianità ed offrire un arricchimento a 360 gradi. Farlo poi con un’ottima compagnia direi che è il massimo che ci si possa augurare. Ed è quello che è successo a quattro amici di Tropeaedintorni.it che hanno deciso di condividere un cammino che avesse come finalità principale la spiritualità e la deposizione, come segno tangibile, della pietra di Tropea ai piedi della Croce di ferro del cammino di Santiago di Compostela, con la richiesta di protezione a tutto il popolo tropeano.
Siamo partiti da Santa Eufemia Lamezia per raggiungere Orio al Serio Bergamo ed abbiamo proseguito per Lourdes dove abbiamo preso in affitto una macchina. Dopo la visita alla Vergine nella grotta, la fiaccolata, abbiamo proseguito per Santiago toccando San Sebastian, residenza estiva dei reali spagnoli, Ponferrada con il castello dei templari, Melide con il polpo alla galiciana, la Croce di ferro dove appunto è stata deposta la pietra Tropea, Santander e successivamente è stata la volta dell’Atlantico con Finsterre, Fatima, Cascais e Lisbona, Granada e Barcellona.
Neanche a metterci d’accordo i compiti si sono assegnati da soli: Gaetano ha guidato per 3.800 chilometri senza tradire neanche un momentino di stanchezza, Salvatore è stato l’impeccabile fotografo, Franco… oh Franco… il cassiere che non perdona neanche un centesimo ed Enzo, forte del cammino già effettuato, è stato il navigatore in tutti sensi.
Nel trittico del pellegrino (Lourdes, Santiago, e Fatima) ognuno ha espresso con momenti personali la propria intima emozione mentre per il resto è stata una continua scoperta, L’allegria non è mai mancata ed accanto alle inevitabili battute, ci sono stati momenti di confronto che credo serviranno ad ognuno di noi per rivedersi con altri occhi. Ovviamente il cammino ha poi preso una svolta diversa che ha piacevolmente abbracciato gli aspetti culturali, artistici e gastronomici delle città visitate. Non è comunque mai mancata la motivazione principale e la riconferma è che il viaggio si conclude a Roma, a Piazza San Pietro, centro della Cristianità di tutto il mondo.
I momenti più belli del viaggio sono stati quelli improvvisati perchè, non essendo schiavi dei programmi, li abbiamo rivisti e adattati anche alle condizioni meteo che per fortuna sono stati inclementi, solo qualche volta, durante i trasferimenti.
Che dire delle conchiglie raccolte sulla spiaggia di Finsterre, la paella con mariscos, i monumenti e i giardini arabi a Granada, il mare dell’Atlantico che s’infrange sulla scogliera con spruzzi altissimi, i bocadillos con jamon, le cagne, Barcellona e la lista potrebbe essere infinita.
Il collegamento giornaliero con i nostri amici tramite le foto pubblicate su facebook di Tropeaedintorni.it è stato un ulteriore momento di condivisione.
Tutto bene quindi e quando si ritorna con tristezza perchè il viaggio è finito vuol dire che è stato bello e basta avere un pochino di pazienza per rifarlo ancora, magari accarezzando la speranza di realizzarlo al più presto…
Un grazie particolare a Daniela che ha fatto da trait d’union tra il nostro ufficio stampa e facebook pubblicando le foto a volte a notte inoltrata.
Un affettuoso pensiero con sentito ringraziamento ai magnifici compagni di viaggio che sono stati sempre gentili, premurosi ed affettuosi in tutti i momenti del cammino.

Condividi l'articolo