Quei manifesti vanno rimossi

Un duro attacco si leva dal Pdl verso l’amministrazione Comunale di Tropea, che secondo il massimo esponente locale Giovanni Macrì «è una fucina di illeciti di varia natura». Questa volta il motivo dell’indignazione di Macrì è scaturito da alcuni «enormi pannelli pubblicitari installati per le vie di Tropea da parte del Consigliere Francesco Stefanelli». I pannelli in questione sono ritenuti da molta gente gradevoli, ma Macrì, a riguardo, è irremovibile. «Rimuovete quei manifesti», tuona infatti severo il giovane avvocato, spiegando di aver deciso «di investire della vicenda i competenti uffici comunali, con un interrogazione urgente con richiesta di risposta scritta al fine di appurare se predetti cartelloni fossero stati o meno autorizzati, se fossero conformi ai regolamenti comunali ed alle leggi e se, in particolare il pannello del centro storico fosse munito del nulla osta della Sovrintendenza, oltre alla corresponsione dei tributi sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni». In merito, lo stesso UTC avrebbe comunicato, con la nota numero 25235, che «non risulta rilasciato alcun titolo abilitativo in merito, fermo restando che non si è a conoscenza di altri atti autorizzativi eventualmente rilasciati e giacenti presso quest’ufficio». Tutto ciò, conclude Macrì, va ad aggiungersi ad «una serie di piccoli e grandi illeciti, di varia natura, posti in essere dall’Amministrazione comunale di Tropea, che ho avuto modo di denunciare più volte presso le competenti autorità» pertanto «nei prossimi giorni presenterò un’ampia documentazione relativa a vicende, a mio parere serie e gravi, concernenti il Piano strutturale comunale». Nella serata di ieri, gli stessi manifesti sono stati rimossi. L’esponente del Pdl è stato così accontentato.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.