Quelle diete necessarie

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Quelle diete necessarie.

La dieta ormai sembra essere diventata una parola d’ordine. Dice un dizionario: Dieta = Regime alimentare in cui quantità e qualità degli alimenti sono stabiliti in base al risultato terapeutico che si vuole conseguire, anche per dimagrire. – Ci sono vari tipi di dieta, per cui ognuno è libero di seguire una propria dieta. La dieta mediterranea ha da sempre numerosi seguaci, perché povera di grassi e proteine animali e ricca invece di carboidrati e proteine vegetali. – Ma ci sono altri generi di dieta che una persona consapevole deve tenere presente: quelli che disintossicano da vizi, da eccessi e deviazioni che avviliscono la propria dignità e causano seri dispiaceri in famiglia. Ci sono persone che sono caduti in un vortice senza fine pur di accondiscendere a piaceri estremi, da cui non riescono più ad uscire. Gesù ammoniva: “Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geenna, nel fuoco inestinguibile… ( Mc 9, 43 e seguenti). – Ecco una storia significativa.

La dieta della volpe
♦ Una volpe, adocchiato uno splendido vigneto, pensò di farsi una bella scorpacciata d’uva. Ma il vigneto era ben difeso: un recinto lo circondava completamente. Dopo lunga perlustrazione, la volpe scoprì un varco; ma questo era molto stretto, e gli sforzi dell’animale risultarono vani.
♦ Allora la volpe ebbe un’idea: avrebbe digiunato sino a che non fosse riuscita a infilarsi nel varco. Tentò dopo tre giorni, ma invano; dopo sei, ma con esito eguale; finalmente, dopo nove giorni, quando, macerata dai sacrifici, era allo stremo delle forze, riuscì ad infilarsi nella stretta fessura.
♦ Che mangiata, che soddisfazione, che gaudio. Un’uva di tal fatta aveva ben meritato tante privazioni, pensò la volpe.
♦ Ma, mentre satolla e panciuta si apprestava ad uscire, ogni entusiasmo svanì: come avrebbe fatto ad uscire, piena com’era? Si trovò infatti nella stessa situazione di prima, con l’aggravante che — se voleva riacquistare la libertà — non doveva toccare neppure un chicco di quell’uva che occhieggiava tentatrice da ogni parte.
Trascorsi i nove giorni di digiuno, la volpe uscì dal recinto. Ma da quel giorno si tenne ben lontana da quei piaceri che, annebbiando i sensi, annebbiano la mente.

(fonte: Storia rabbinica in Almanacco di fiabe antiche e moderne, Gribaudi 1991).

Non solo quelle alimentari: ci sono altri generi di dieta che una persona consapevole deve tenere presente. Quelli che disintossicano da vizi, da eccessi e deviazioni che avviliscono la propria dignità e causano seri dispiaceri in famiglia. Ci sono troppe persone che sono cadute in un vortice senza fine pur di accondiscendere a piaceri estremi, da cui non riescono più ad uscire. Gesù ammoniva: “Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geenna, nel fuoco inestinguibile… ( Mc 9, 43 e seguenti).

Condividi l'articolo