Matteo Renzi vince a Tropea

Soddisfazione del Comitato pro Renzi.

D’Agostino e Frezza soddisfatti del risultato.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Anche a Tropea Renzi ha ottenuto un ottimo risultato ottenendo il 42% dei voti (134 su 317 votanti), e così risultando il più votato. Sandro D’Agostino ha così commentato: “Le primarie a Tropea si sono svolte in maniera ordinata; il dato più importante è la rinnovata voglia di partecipare alla politica.
L’affermazione di Renzi mi rende felice, in percentuale dovrebbe essere la più alta per Renzi in provincia ove Bersani si presentava con una organizzazione che è risultata determinante nella netta affermazione del segretario del PD; seppure è evidente che Pizzo con l’amico Callipo ha ottenuto un risultato straordinario ed ha offerto un contributo di stimolo importante per i sostenitori di Matteo Renzi.
E’ stato un momento di politica appassionante perché, al di là delle differenze di idee, si sono poste le basi per aprire un confronto in cui il PD e l’intero centro-sinistra può uscire rafforzato. Quanto al risultato di Tropea il merito va esclusivamente ai tanti amici che hanno voluto sostenere liberamente e con passione un programma innovativo, ai tanti che sono venuti a votare spontaneamente e senza essere costretti a presentarsi al seggio. E’ un punto di partenza per la ricostruzione di un’area riformista alternativa al conservatorismo che governa la città. La gente chiede più politica e meno politici di professione. Chi sta dalla parte di Renzi partecipa con la consapevolezza che non avrà un tornaconto personale ma che può contribuire ad un politica nuova e migliore nell’interesse della collettività”. A seguire le dichiarazioni Frezza: “I risultati delle primarie a Tropea sono segnali da non sottovalutare, pur non avendo effetti concreti nell’immediato, contribuiranno a rafforzare il PD tropeano. Le primarie non sono terreno di scontro ma di confronto, la sintesi fra queste posizioni saranno indirizzate a fare uscire Tropea dall’isolamento in cui si trova e dargli il ruolo che merita in Calabria.”

Condividi l'articolo