Rifiuti ingombranti in strada

Per evitarlo basta chiamare la ditta

Un fenomeno che si ripete spesso

I rifiuti lungo la Ss522
Ancora una volta lo scorretto comportamento di pochi merita una nota di biasimo da parte dei cittadini e dei tanti turisti che hanno scelto la “Perla del Tirreno” come meta delle loro vacanze. Nella giornata di ieri, infatti, nei pressi della rotatoria di Tropea sud, a circa un chilometro dalla galleria “Sant’Angelo”, elettrodomestici e mobili di ogni genere sono stati depositati lungo il ciglio della strada, nei pressi di due normali bidoni per la raccolta dei rifiuti urbani, trasformando un tratto di strada di oltre 20 metri in una mini discarica a cielo aperto. Questo è un fenomeno che si ripete ogni anno, ma che si potrebbe evitare con qualche semplice accorgimento e con un po’ di buon senso.
Giugno, si sa, è il mese in cui molti cittadini iniziano ad affittare gli appartamenti ai turisti. Ecco perché qualcuno aspetta questo periodo per effettuare qualche intervento prima dell’arrivo dei turisti. C’è chi dà una sistemata alle tubature di bagni e cucine, chi controlla gli impianti elettrici, chi ancora ne approfitta per dare una mano di pittura fresca. E c’è chi, infine, rinnova la mobilia delle varie stanze degli appartamenti da affittare. Tra questi ultimi, però, c’è chi preferisce purtroppo disfarsi di tali oggetti ingombranti in modo sbrigativo, abbandonandoli in strada. Ciò crea disagi a chi si occupa della raccolta dei rifiuti, ripercuotendosi sugli stessi cittadini, e danneggia l’immagine di una cittadina ad alta vocazione turistica andando a ledere, di conseguenza, le stesse persone che hanno interessi ad affittare i propri appartamenti. Chi lascia simili cataste di mobili per strada, tra l’altro, ignora che in tal modo si può incorre in salate sanzioni e non sa che è invece possibile contattare la ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti sul territorio comunale per chiedere un intervento di una squadra sotto casa assolutamente gratuito. Il capitolato speciale d’appalto per l’affidamento dei servizi di igiene urbana del Comune di Tropea, infatti, prevede che la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti differenziati, compresi quelli ingombranti e i beni durevoli ad uso domestico o l’arredamento, siano di competenza della ditta che si occupa del servizio. Nello specifico, l’impresa deve effettuare settimanalmente la raccolta di tali rifiuti (frigoriferi e congelatori, televisori, computer, lampade al neon, lavatrici e lavastoviglie, divani, poltrone e sedie, armadi e mobili in genere, materassi, scarti vegetali, oli e grassi animali e vegetali da cottura, oli minerali esausti, ecc.). In mancanza di un’isola ecologica, che sarà presto allestita in un’area del territorio comunale (già individuata in zona “Campo”), la ditta dovrà provvedere alla raccolta e sarà a suo carico ogni onere necessario per le operazioni di raccolta e trasporto agli impianti. È dunque da irresponsabili andare a scaricare in strada l’intero arredamento dismesso di un appartamento, perché ciò, oltre agli inconvenienti già citati, rallenta il normale svolgimento della raccolta da parte della ditta, che invece, se contattata per tempo, può organizzarsi e ottimizzare il proprio lavoro. Ecco perché è conveniente contattare la “Ecoshark Igiene Ambientale Srl” al numero 0963.665742 o recarsi a Ricadi presso gli uffici di via Fontana 18, per mettersi d’accordo per lo smaltimento di questo tipo di rifiuti.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.