Rischio in galleria

La denuncia di Diego Stacciuoli

Corsie allagate e struttura a rischio

Desta sempre maggiore preoccupazione lo stato di degrado della galleria sulla SS522 nel territorio comunale di Tropea. Fuori non si verificano precipitazioni di rilevanti entità ormai da giorni, ma dentro piove eccome. La galleria in questione, lunga qualche centinaio di metri, si chiama “Sant’Angelo”, come la frazione di Drapia che confina con il territorio di Tropea soprastante.
A metà circa del suo percorso, vi sono da tempo due fenditure sulla parete superiore, dalle quali scorre un continuo flusso di acqua, che si riversa sul manto stradale sottostante, rendendo sdrucciolevole il percorso e, durante i periodi di più intensa piovosità, creando dei veri e propri allagamenti su ambedue le corsie della carreggiata.


[nggallery id=89]


L’acqua, per fortuna, defluisce attraverso i canali di scolo, che ultimamente sono però sempre più sporchi, e si riversa in un fosso presente nei pressi dell’imbocco della galleria a sud. Il primo a denunciare questo stato di cose è stato l’assessore al Turismo del comune di Parghelia Diego Stacciuoli, secondo il quale è assolutamente inutile che cittadini e operatori del settore si ricordino di far valere i loro diritti solo a stagione turistica iniziata. Stacciuoli, parlando più in generale, dello stato di degrado del nostro territorio in vista della stagione turistica, ha infatti affermato: «non riesco a capire perché nessuno, e ripeto nessuno, denuncia il fatto che nella galleria che attraversa il territorio di Tropea, su strada di competenza provinciale, continua a piovere dentro. A nessuno viene in mente che questa infiltrazione possa far indebolire il calcestruzzo e magari far crollare galleria stessa?». Quella paventata dal rappresentante politico della vicina Parghelia è di certo una visione spaventosa, ma visti i danni che il territorio ha subìto negli ultimi tempi, sembra che davvero non ci sia mai un limite al peggio. Se perciò, fino ad oggi, tra alluvioni, esondazioni e villaggi messi in ginocchio, quelle due fenditure in galleria hanno rappresentato il pericolo minore, oggi, che grazie all’arrivo della primavera si è riusciti in un certo qual modo a uscire dall’emergenza maltempo, è giunto il momento, almeno in questo caso, di tentare di far qualcosa prima che sia troppo tardi. «Dimenticavo – prosegue però sarcastico Stacciuoli – che qui le cose si muovono solo quando la tragedia è avvenuta». In conclusione, però, tra le parole dell’assessore al Turismo, si coglie un auspicio che giunga rapido un aiuto dai comuni della costa o dalla Provincia. «Spero – conclude infatti Stacciuoli – che ci sia qualcuno che possa affiancarsi alla mia denuncia, se così non fosse, sarebbe purtroppo ancora una volta la dimostrazione che esistono dei motivi che ci contraddistinguono in negativo».
L’unica nota positiva, per quanto riguarda la SS522, giunge dai due imprenditori che, mantenendo fede agli accordi presi, stanno continuando ad occuparsi della cura della rotatoria di “Tropea sud”, in cui termina la strada. Si tratta del proprietario di un hotel ubicato sulla collina al confine con Ricadi (Orizzonte Blu) e di Adriano Rizzo, giovane gestore di un’autofficina sulla strada, i quali mantengono pulita e ricolma di fiori la rotatoria, preoccupandosi di far trovare a cittadini e turisti una parvenza di benvenuto in città, nonostante tutto.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.