San Pietro e il Paradiso

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

180a-sanpietro

San Pietro e il Paradiso.

29 giugno, giorno di San Pietro – L’immaginario popolare, supportato da una certa tradizione, guarda a San Pietro, capo degli apostoli, come al guardingo portinaio del Paradiso, geloso di fare entrare nel Regno beato chi non abbia meriti. Eh sì, le chiavi le ha ricevute da Cristo (“A te darò le chiavi del regno dei cieli – Mt 16,19): ma sono le chiavi del servizio di amore e di salvezza a favore di tutti i fratelli. Ma piace ancora pensarlo così, bonario e guardingo, ammettendo i meritevoli e trattenendo gli altri. E le storie a riguardo sono numerosissime. Piace riportare, in questo giorno a lui dedicato, la storia del sogno fatto dalla Beata Teresa di Calcutta, prossima ad essere canonizzata: una inquilina di diritto del Paradiso.

♦ La beata Madre Teresa di Calcutta, premio Nobel per la pace 1979, racchiude tutto il sogno della sua vita dedicata ai poveri e ai moribondi e la storia della sua vocazione in un aneddoto.
Scrive in una lettera da Calcutta:
♦ “Nei primi giorni della mia attività tra la poverissima gente della periferia, fui colpita da febbre altissima. Nel delirio mi ritrovai davanti a S. Pietro, ma lui non voleva lasciarmi entrare in paradiso. Diceva:
– E’ impossibile che uno della bidonville possa entrare in cielo. Non ci sono bassifondi in paradiso!
Io gli risposi arrabbiata:
– Ah, è proprio così? Allora io farò di tutto per riempire il paradiso con gente dei bassifondi della città e allora sarai costretto a lasciar passare anche me!
Povero S. Pietro!
Da allora le Sorelle e i Fratelli non gli danno pace, perché c’è sempre uno stuolo della nostra gente che s’è assicurata un posto in paradiso con le sue sofferenze!

Dalla terra al cielo
“Nessuno di noi entrerà in Paradiso se là non potrà trovare  qualcuno a cui possa dire: anch’io ho dato il mio aiuto per farti arrivare in cielo!” Un ammonimento di Mons. Fulton Sheen, 1895-1979, che fu uno dei primi e più celebri telepredicatori cattolici, prima via radio e successivamente per televisione.

Nessuno di noi entrerà in Paradiso se là non potrà trovare  qualcuno a cui possa dire: anch'io ho dato il mio aiuto per farti arrivare in cielo!" Un ammonimento di Mons. Fulton Sheen, 1895-1979,
Nessuno di noi entrerà in Paradiso se là non potrà trovare qualcuno a cui possa dire: anch’io ho dato il mio aiuto per farti arrivare in cielo!” (Mons. Fulton Sheen, 1895-1979).
Condividi l'articolo