Saverio Silipo (Mileto - VV - 15/1/1926)

L’autore Ŕ nato a Mileto dove attualmente risiede.
Ha compiuto gli studi presso il Liceo Ginnasio "M. Morelli" di Vibo Valentia conseguendo la MaturitÓ Classica.
Saverio Silipo ha prestato attivitÓ lavorativa presso il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, operando in Mileto ed in altri centri calabresi. Attualmente Ŕ in pensione.
Per la sua modesta produzione poetica, ma innanzutitto perchÚ rifugge le competizioni letterarie, non ha mai partecipato a concorsi, nÚ conseguito lauri.
E’ invece un fervente cristiano, e grazie alla sua fede crede di poter confermare, giorno dopo giorno, la dignitÓ di uomo veramente libero.

Panta rei

Tornanu i lindanedi quand’Ŕ ura

Tornanu i rosi a maju senza menu

Occhýja la stida ‘ncelu quandu scura

Luci lu suli quandu c’Ŕ serenu.

Torna l’astati doppu ‘a primavera

‘Nta la ‘mbernata torna friddu e nivi
gialla e addurusa dÓ ‘nta la costera
hiuri ‘a janestra e cantunu l’agridi.

Non torna ‘mbeci u jornu chi fu ajeri
‘u tempu chi ti scappa ‘nta li mani
non torna l’ura e non ‘nci su maneri
mu fermi ‘u misi, l’annu, li simani
parinu cosi chi non sugnu veri:
oj sý tu, ma ‘natru sý domani!

 

’A poisia

Quandu assudji tutti ‘i penzeri toj
‘ndi scigghi ‘na vrancata bona, bona
li conzi ‘mpila come mŔgghju poj
e pisi ogni palora e fai ‘mu sona.

Su ‘sti penzeri grÓlimi i ciangýri
su cÓji chi ti ‘ncÓjanu lu cori
su doluri, su ‘ngusci, su suspiri
lamenti c’amu cacci nommu mori

Ogni palora poi chi tu la scrivi
avi la ‘nzinga di lu sangu toj
sugnu pezzi di carni vivi vivi
chi scippi di lu cori e, quandu poi
lestu a lu fundu ‘mpini prestu arrivi
ti penti ca cuntasti ‘i fatti toj.

 

Redazione gazzettino 
    di Tropea e dintorni

 

    www.tropeaedintorni.it