“Spiagge Pulite a Formicoli”

Un “mare” di rifiuti, mal gestiti e abbandonati

Come ogni anno Legambiente con l’iniziativa “Spiagge Pulite” accomuna migliaia di volontari

Un “mare” di rifiuti, mal gestiti, abbandonati, trasportati dalle mareggiate. Sopratutto plastica depositata sugli arenili che non si dissolve ma si riduce in minuscoli frammenti carichi di sostanze inquinanti che arrecano gravi danni all’intero ecosistema. Un problema ambientale di proporzioni drammatiche che riguarda le spiagge del Mediterraneo. Lo scorso anno un monitoraggio condotto da Legambiente su un campione di 47 spiagge lungo la Penisola, ha contato oltre 33mila rifiuti, una media di 714 rifiuti ogni 100 metri. Molti gettati con consapevole disprezzo del bene comune: bottiglie, mozziconi di sigarette, stoviglie usa e getta e tanti bastoncini di plastica colorata, ciò che rimane dei cotton fioc passati dal water per arrivare in mare e sulla spiaggia.
Come ogni anno Legambiente con l’iniziativa “Spiagge Pulite”che accomuna migliaia di volontari in Italia e in molti paesi che si affacciano sul Mediterraneo, con un’azione di volontariato, contribuisce a ripulire gli arenili dai rifiuti. Un’attività concreta di cittadinanza attiva ma soprattutto un’azione di educazione ambientale.
Il Circolo di Ricadi, quest’anno, ha coinvolto, nell’oramai consolidata manifestazione che si tiene abitualmente a Formicoli e alla Scalea, l’Istituto Comprensivo di Ricadi.
Una giornata di volontariato ma soprattutto di educazione ambientale che ha visto protagonisti gli alunni della scuola primaria di Santa Domenica accompagnati dalle proprie famiglie. Molti i partecipanti. Oltre alla scuola, tanti volontari del circolo, cittadini, associazioni, tra cui l’Auser di Santa Domenica, hanno colorato di giallo il piazzale e le spiagge.
L’iniziativa ha preso il via, alla presenza di una delegazione della Guardia Costiera di Tropea, con il saluto ai partecipanti da parte dei referenti del locale circolo di Legambiente e della responsabile del plesso di S. Domenica Mariella Albanese la quale, dopo aver portato a sua volta i saluti del dirigente scolastico Genesio Modesti, si è soffermata sui progetti realizzati dalla scuola in ordine alla tutela dell’ambiente, molti dei quali realizzati con la consolidata collaborazione del circolo di Legambiente.
In apertura Franco Saragò, presidente del Circolo di Ricadi, si è soffermato sul tema della biodiversità evidenziando l’importanza della tutela del mare anche attraverso piccoli gesti quotidiani. E’ stata sottolineata poi la fondamentale opera della Guardia Costiera a tutela del mare e della costa. Il circolo, attraverso un omaggio floreale, ha poi voluto esprimere alla referente di Plesso Mariella Albanese, che a breve andrà in pensione, apprezzamento e gratitudine per
l’attività svolta presso la scuola di Santa Domenica e soprattutto per le tante iniziative di educazione ambientale portate avanti in questi anni.
La giornata è stata caratterizzata da varie attività. I giochi tematici sulla biodiversità marina e sull’importanza della raccolta differenziata e le varie attività di educazione ambientale, realizzati dai volontari del circolo e dalle insegnanti con la collaborazione dei genitori, hanno caratterizzato la mattinata dei ragazzi catalizzandone l’attenzione mentre i molti volontari e cittadini intervenuti hanno ripulito la spiaggia dai rifiuti. In particolare, come ogni hanno, sono stati prelevati tanti rifiuti spinti dalle mareggiate sullo splendido arenile della spiaggia della Scalea, premiata da Legambiente, negli anni scorsi, quale spiaggia più bella della Calabria e al terzo posto In Italia.
Una festa che ha visto la partecipazione attiva di tanti volontari uniti dallo stesso intento: tutelare il mare e quanto di più prezioso il territorio possa offrire.

Presidente del Circolo di Ricadi
Franco Saragò

Condividi l'articolo