“Teatro d’aMare” II appuntamento venerdì 29

Spettacolo di e con C. Gallo che ha avuto la collaborazione artistica di P. Mazzotta

Secondo spettacolo della rassegna teatrale “Teatro d’aMare” corganizzato insieme a LaboArt al Teatro del Porto di Tropea

TeatroDaMarePortoTropea
La prima giornata della rassegna “Teatro d’aMare”, realizzata da Libero Teatro e da LaboArt Tropea con la direzione artistica dell’attore e regista Max Mazzotta e quella organizzativa di Maria Grazia Teramo, non ha strappato solo grandi risate con lo spettacolo “Prove Aperte” ma ha restituito ai tropeani e ai calabresi, il bellissimo Monastero delle Clarisse dove si è tenuto il convegno “La Scena e La Scrittura – Autori, testi e tematiche della drammaturgia contemporanea in Calabria”.

Bollari Carlo Gallo - foto Alessija Spagna
Bollari Carlo Gallo – foto Alessija Spagna
Curato dalla docente dell’Università della Basilicata Vincenza Costantinto, il convegno ha preso il via con il saluto del direttore artistico di “Teatro d’aMare” Max Mazzotta, seguito da quello del sindaco di Tropea Giuseppe Rodolico. Dopo il primo cittadino, Giuseppe Carone ha illustrato a convegnisti, compagnie teatrali e pubblico i lavori che hanno interessato e stanno interessando il Monastero delle Clarisse. Il convegno sulla nuova drammaturgia calabrese ha sostanzialmente riaperto l’imponente struttura che potrebbe diventare il tanto atteso museo del mare ma non solo.
Fabio Vincenzi, direttore artistico del Tau – Teatro auditorium dell’Università della Calabria ha chiuso il giro dei saluti sottolineando la propria soddisfazione nell’essere presente in una rassegna teatrale organizzata da Mazzotta e Teramo con i quali ha condiviso un pezzo importante di carriera ai tempi della prestigiosa Accademia d’arte drammatica a Locri.
Al docente dell’Università della Calabria Carlo Fanelli è toccato rompere il ghiaccio per quanto riguarda i relatori, discutendo di “Drammaturgie possibili in Calabria”. Fanelli ha sottolineato lo straordinario lavoro di narrazione fatto dagli autori calabresi presenti nella rassegna che ha fatto della necessità di costruire “piccoli” spettacoli una vera e propria virtù. Ripercorre, il docente, le scritture degli autori degli spettacoli di Teatro d’aMare (Mazzotta per “Prove Aperte” e “Giangurgolo”, La Ruina per “Dissonorata”, Gallo per “Bollari”, Insardà per “Reality shock”, Ciro Lenti per “Mio cognato Mastrovaknic”, Tavano per “Patres” e Orrico per “La mia idea – Memoria di Joe Zangara”, citando inoltre Suriano per il suo “L’Arrobbafumu”).
A Fulvio Librandi, anche lui docente dell’Unical, è toccato il compito di discutere dei testi creando un percorso per immagini con la sua relazione dal tema “Inscritto sul corpo. Su alcune logiche dell’appartenenza teatrale”. Sottolinea Librandi come le compagnie teatrali calabresi condividano fra loro il palco; la platea quando sono spettatori e, purtroppo, sono uniti nella mancanza delle risposte istituzionali.
La curatrice del convegno Vincenza Costantino ha esposto su “Scritture di scena. Forme della drammaturgia nella Calabria di inizio secolo” analizzando come gli ultimi cinque anni siano stati “esplosivi” per gli autori calabresi che scrivono direttamente per il teatro senza passare dalla letteratura. Si sofferma, la Costantino, su come i nuovi spettacoli raccontino sia la Storia che i fatti di cronaca e apprezza il nuovo ruolo della donna che non è più subalterna a quello maschile.
Chiusura per l’atteso intervento su “Spazio/spazi teatrali e calabresità” dell’antropologo Luigi Maria Lombardi Satriani che ha voluto fortemente essere presente al convegno di Teatro d’aMare. Il professore ha spaziato fra passato e presente della scrittura calabrese catturando l’attenzione di tutti i presenti all’interno del Monastero.

Il secondo appuntamento di “Teatro d’aMare” sarà venerdì 29 luglio, alle 21:45 al Teatro del Porto di Tropea, con “Bollari – Memorie dallo Jonio”.
La rassegna allestita da Libero Teatro e LaboArt Tropea (direzione artistica Max Mazzotta, direzione organizzativa Maria Grazia Teramo), ospita il
Teatro della Maruca con lo spettacolo di e con Carlo Gallo che ha avuto la collaborazione artistica di Peppino Mazzotta.

Sulle coste desolate del Jonio, immersi nel silenzio tra i colori della macchia Mediterranea, è divenuto sempre più raro assistere a quel miracolo che avveniva tra i pescatori e il mare, un fenomeno che veniva indicato col il termine “Bollari”. Una parola antica tradotta nel suono gutturale dei pescatori per annunciare l’avvistamento dei tonni a largo delle coste, un urlo di gioia a cui seguivano lanci e fragori di bombe in mare, una pratica illegale diffusa tra i pescatori dello Jonio al fine di ricavare più pesce possibile in poco tempo e sopperire ai lamenti dello stomaco. Lo spettacolo narra la contesa di mare tra due anziani pescatori e le vicissitudini di quella che fu la “Cecella”, il miglior peschereccio dello Jonio, negli anni del fascismo fino alle porte della seconda guerra mondiale. Tratto da racconti orali di anziani calabresi, “Bollari” è una storia di mare che si chiude sopra il deserto dei valori di un mondo travolto dal regime e dalla guerra.

La recitazione è scandita dalla respirazione e dalla gestualità ricercata, dalla musicalità di una lingua, arcaica, poetica e comprensibile a tutti di fronte alla quale è impossibile non farsi travolgere e affascinare. Come sottofondo il rumore languido della spuma del mare, quel mare di gioie e di dolori, su cui si riversano la fame e la miseria del tempo. Quel mare su cui i personaggi rinnovano il proprio spirito e battono i remi – forse – alla conquista della propria libertà. Una narrazione misteriosa e suggestiva come fiabe d’altri tempi, in una lingua che inventa se stessa nel dipanarsi degli eventi, dove tutto si traduce in parola.
Due giorni prima della rappresentazione di “Bollari”, 27 e 28 luglio, il Teatro della Maruca con Carlo e Angelo Gallo terrà il primo dei due laboratori teatrali per bambini che “Teatro d’aMare” ospita. “Sapevi che da una lattina schiacciata può nascere un fiore? – spiegano i due Gallo – E sai che da tutti quei giornali accatastati e abbandonati puoi dar vita a tutti gli oggetti che hai in mente? Un laboratorio creativo condurrà i piccoli partecipanti alla scoperta dell’uso di materiali e delle mille funzioni che possono assumere con un minimo di inventiva”.
Terzo appuntamento della rassegna sarà martedì 2 agosto 2016, ore 21.45 sempre al Tetro del Porto di Tropea, con Scena Verticale che presenta Saverio La Ruina in Dissonorata – Un delitto d’onore in Calabria; spettacolo premiato con due premi Ubu.

Contatti:
www.teatrodellamaruca.it
teatrodellamaruca@gmail.com
www.facebook.com/teatrodellamaruca.maruc

Condividi l'articolo