Tecnici al plesso scolastico “Annunziata”

Effettuato un sopralluogo dei locali, eseguite una serie di misurazioni

La “Scuola” a Tropea, alla stregua dei Paesi del terzo mondo?

Il plesso scolastico “Annunziata” di Tropea - foto Libertino
Il plesso scolastico “Annunziata” di Tropea - foto Libertino

Sopralluogo ieri mattina presso il plesso scolastico “Annunziata” di Tropea. I tecnici incaricati dal Comune, con a capo l’Architetto Antonino Pezzo, hanno effettuato una serie di misurazioni ed un sopralluogo dei locali, con lo scopo di avviare a breve una fase di progettazione per iniziare i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza antisismica dei suddetti locali.
Stando infatti alle nuove disposizioni normative gli edifici scolastici dovranno tutti essere fatti oggetto di interventi e modifiche strutturali che possano garantire parametri di sicurezza antisismica. Il plesso Annunziata, ricordiamo, è stato al centro dell’attenzione delle cronache perché interessato, solo un mese fa, da una frana di un  terreno attiguo, cosa che aveva obbligato il Sindaco, Adolfo Repice, all’emanazione di un’ordinanza di chiusura dei locali. Successivamente riaperto il plesso, dopo i lavori di consolidamento del terreno, la scuola ha ripreso ad ospitare circa 200 bambini tra infanzia e Primaria. L’architetto Pezzo ha previsto la realizzazione del piano progettuale dei lavori realizzabile non prima di due mesi mentre il cantiere per la ristrutturazione, nella migliore delle ipotesi, potrà essere allestito non prima del mese di luglio prossimo. I lavori per i quali è previsto un finanziamento di 285.000 euro, riguarderanno parti strutturali dell’edificio e per questo richiederanno lo sgombero completo delle aule, cosa che come è prevedibile comporterà per gli utenti ulteriori disagi; se i lavori dureranno oltre il mese di settembre, tenendo presente che in agosto anche le ditte edili chiudono per ferie, è lecito domandarsi dove frequenteranno la scuola chi oggi trova alloggio presso l’Annunziata. L’altro plesso scolastico di via Crigna, che ospita le rimanenti classi di scuola primaria, non garantisce gli spazi necessari per accogliere tutti i bambini tropeani, eventualmente si ripresenteranno i doppi turni? E la scuola per l’infanzia dove troverà ospitalità? A Tropea ormai le problematiche di edilizia scolastica sembrano non trovare soluzione definitiva, sono anni che le famiglie si trovano a dover fare i conti con sgomberi, chiusure e disagi.
È forse il caso di incominciare una campagna di sensibilizzazione nazionale al problema “Scuola” a Tropea, alla stregua dei Paesi del terzo mondo?

Condividi l'articolo
Caterina Sorbilli
Caterina Sorbilli

Docente nelle scuole del I ciclo, collaboratrice storica di Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritta all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.