Tour del M5S con lo storico dell’arte Montanari

Iniziativa è promossa dal Meet Up di Cosenza e dal senatore Nicola Morra

“La Calabria è al punto più basso per la tutela del patrimonio e l’attenzione verso la cultura”

LogoM5s2016Partirà da Cosenza, martedì 11 ottobre, il tour del Movimento 5 stelle con lo storico dell’arte Tomaso Montanari, volto a promuovere la difesa della cultura e della storia della Calabria. Per tre giorni, insieme a Montanari alcuni portavoce 5 stelle ed esperti affronteranno i problemi in materia, anche alla luce della riforma costituzionale vicina al referendum. L’iniziativa è promossa dal Meet Up di Cosenza e dal senatore Nicola Morra. «In questo momento storico – affermano i 5 stelle in una nota – la Calabria è al punto più basso per la tutela del patrimonio e l’attenzione verso la cultura, come conferma la vicenda del bando regionale per il teatro e l’ormai evidente e imbarazzante cerchio magico del governatore Oliverio». La tre giorni 5 stelle inizierà con visita nel centro storico cosentino e ritrovo alle ore 12:00 in piazza Valdesi.
Nel pomeriggio un dibattito in piazza Kennedy, alle ore 17:30, sulle ragioni del «no» alla riforma costituzionale e con specifico riferimento all’ambito del paesaggio, del patrimonio artistico e della cultura. Interverranno il senatore Morra, la docente universitaria Giovanna Capitelli e lo stesso Montanari.
Il 12 ottobre la stessa agorà sarà alle ore 17:00 in piazza Marinai d’Italia a Crotone, pure con la partecipazione dell’archeologa Margherita Corrado e del consigliere comunale M5s Ilario Sorgiovanni.
Al mattino è prevista una visita del centro storico di Crotone, con partenza da piazza Duomo alle ore 10. Chiuderà il tour di Montanari in Calabria l’appuntamento del 13 ottobre a Vibo Valentia, con visita alle ore 14:30 agli scavi di via Paolo Orsi e dibattito pubblico alle ore 16:00 presso l’auditorium del Valentianum. Lì Morra, la deputata Dalila Nesci, Montanari e lo storico Antonio Montesanti affronteranno anche la questione della tutela delle mura greche in una prospettiva di legalità e progresso civile.

Condividi l'articolo