Vallone accoglie la proposta di Nesci (M5S)

Da comunicato stampa

Proposto un tavolo tecnico per risolvere definitivamente i problemi dell’edilizia scolastica nella città

Il sindaco di Tropea Gaetano Vallone e la deputata M5S Dalila Nesci  - foto Libertino
Il sindaco di Tropea Gaetano Vallone e la deputata M5S Dalila Nesci – foto Libertino

Il sindaco di Tropea (Vibo Valentia), Gaetano Vallone, ha accolto con favore la proposta della deputata M5S Dalila Nesci di istituire un tavolo tecnico per affrontare i problemi di edilizia scolastica nella città.
La parlamentare, originaria di Tropea, aveva inviato una garbata missiva al primo cittadino, apprezzandone la sensibilità sull’argomento e chiedendo la formazione di un gruppo di lavoro tecnico, per fornire risposte più rapide agli alunni, ai loro genitori e al personale delle scuole, per il momento in attesa di definitiva sistemazione in strutture adeguate. A sua volta, Vallone ha inviato una lettera alla deputata, mostrandosi pronto a una serena collaborazione istituzionale.
La parlamentare Cinque Stelle commenta: «Un esempio positivo che dimostra la possibilità di cooperare nell’esclusivo interesse pubblico, senza problemi di colori o ideologie della politica. È questa la strada da percorrere, non soltanto a Tropea. Dobbiamo sforzarci di andare al cuore dei problemi, di mettere insieme le rispettive esperienze, competenze ed energie a servizio dei calabresi».
Nesci conclude: «Ringrazio pubblicamente il sindaco di Tropea, professor Vallone, con l’auspicio che l’unità sia sempre più frequente in Calabria, davanti ai problemi. Mi auguro che, nel nostro piccolo, riusciamo a tenere comportamenti che diano speranza e fiducia ai calabresi, perché la politica torni con dignità e decoro alla sua originaria funzione pubblica».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.