Tropea: pari opportunità

Diversi gli interventi descritti nel documento.

Presentato il programma che intende attuare nel corso del primo anno

Il Municipio di Tropea - foto Libertino

Il 21 giugno scorso la Commissione pari opportunità del Comune di Tropea ha presentato il programma di attività che intende attuare nel corso del primo anno di attività.
Diversi gli interventi programmatici e di settore descritti nel documento.
L’elaborazione e la diffusione di un questionario diretto a rilevare le caratteristiche socio-anagrafiche e quelle occupazionali, nonché la reale condizione della popolazione femminile rappresentano la prima fase operativa del programma che la Commissione parità ha inserito tra le sue attività.
La Commissione intende, attraverso tale indagine conoscitiva, elaborare interventi mirati a superare ogni forma di disparità, concretizzare un’offerta di pari opportunità e attuare azioni positive e concrete, nonché misure che rendono possibili livelli soddisfacenti di equilibrio delle attività professionali tra uomo e donna.
Tra le azioni positive di conciliazione tra vita privata e professionale e le politiche che promuovono l’occupazione delle donne, l’organo di parità ha proposto all’Amministrazione Comunale la realizzazione di un campo-scuola estivo, debitamente strutturato ed organizzato, quale valido sostegno alle donne e mamme lavoratrici.
La Commissione ha sottolineato poi l’importanza fondamentale, per tutte le attività che andrà a svolgere, di una proficua collaborazione sinergica e trasversale con enti, istituzioni ed associazioni presenti sul territorio.
Per questo ha previsto nell’ambito delle linee di programma presentate, l’avvio di relazioni con le Commissioni pari opportunità degli Enti locali e nazionali e con le associazioni che si occupano della condizione femminile e delle fasce socialmente svantaggiate.
Tra gli interventi di settore la Commissione ha proposto, altresì, all’Amministrazione comunale la realizzazione di incontri formativi e laboratoriali relativi a diversi ambiti di interesse: dalla normativa sulle pari opportunità e sul diritto antidiscriminatorio, all’integrazione e conoscenza della cultura degli immigrati, alla gestione costruttiva dei conflitti in ambito familiare, scolastico e sociale.
L’organo di parità, nella lettera di presentazione del programma, ha dichiarato di confidare nella collaborazione del Comune di Tropea affinché garantisca l’ubicazione della Commissione in apposito ufficio all’interno della struttura comunale, assicuri la disponibilità degli strumenti informatici e di comunicazione ed ogni altro strumento necessario allo svolgimento dei compiti e delle funzioni della stessa.
Ha auspicato, altresì, un reciproco impegno per ogni progetto, da formalizzare secondo le modalità autorizzative, le procedure, i piani di azione specifici, individuando di volta in volta risorse umane ed economico finanziarie necessarie, ricerca di possibili fonti e linee di finanziamento, nonché tempi di attuazione.
La Commissione, quale organo dotato di autonome funzioni propositive, consultive e di monitoraggio, ha anche proposto – nel rispetto del regolamento istitutivo, delle leggi comunitarie e nazionali – di essere consultata preventivamente dal Comune su ogni atto programmatico avente ad oggetto la formazione professionale, il mercato del lavoro e ogni altra iniziativa per il conseguimento delle Pari Opportunità.
I componenti hanno reso infine noto che, in attesa dell’approvazione del nuovo bilancio di previsione, i progetti, di modesta realizzazione economica, saranno finanziati anche con i gettoni di presenza, che la Commissione ha già deliberato di distrarre integralmente a favore dell’attuazione degli stessi.
Il documento programmatico si è concluso con l’auspicio della Commissione che il passaggio dalla fase programmatica e progettuale a quella operativa possa avvenire in tempi brevi e grazie alla collaborazione fattiva, proficua e sinergica con l’Amministrazione Comunale, al fine di realizzare il benessere della cittadinanza in ogni sua forma.
A cura dei membri della Commissione

Condividi l'articolo