Un appello per la “rossa”

Lo ha lanciato Nicodemo Oliverio

Danno economico a causa delle piogge

Oliverio
Nicodemo Oliverio - foto wikipedia
Il parlamentare del Partito Democratico Nicodemo Oliverio, capogruppo in Commissione Agricoltura alla Camera, in una interrogazione a risposta scritta al Ministro delle Politiche agricole ha chiesto di dichiarare lo stato di crisi di calamita’ naturale per le produzioni della cipolla rossa di Tropea. Oliverio, nell’interrogazione al Ministro, dopo aver ricordato che “la coltivazione della cipolla rossa di Tropea genera reddito ed occupazione e, quindi, svolge un ruolo positivo nell’economia regionale della Calabria”, sottolinea che “a seguito delle forti piogge che hanno colpito la Calabria e in particolare la provincia di Vibo Valentia, nelle scorse settimane, da una verifica effettuata dalla Coldiretti Calabria nei comuni della fascia tirrenica vibonese, dove e’ concentrata la maggiore produzione, comprendente Ricadi, Tropea, Parghelia, Zambrone, Briatico, Pizzo e le frazioni di Portosalvo, Vibo Marina e Bivona, si e’ rilevato che, su una superficie agricola di circa 300 ettari, utilizzata per la coltivazione del cipollotto, fresco e da serbo, si e’ verificato un danno economico che ha interessato circa 120 ettari di superficie coltivata, pari al 60% della produzione, i cui danni vengono stimati complessivamente in 1.270.000,00 euro”. Oliverio ha spiegato inoltre che “le imprese produttrici sono estremamente preoccupate, per la campagna 2011 erano state messe a punto strategie di marketing tali da prevedere il triplicarsi delle quantita’ prodotte e certificate con marchio Igp. Il rallentamento delle vendite, dovuto alla mancanza di prodotto, sta determinando forti passivita’ alle tante aziende che avevano investito sulle maggiori produzioni”. Per questo motivo Nicodemo Oliverio conclude affermando che “risulta urgente adottare provvedimenti di carattere economico in grado di sostenere gli agricoltori e gli imprenditori che producono la cipolla di Tropea colpiti dalla crisi”.

Condividi l'articolo