Un soldatino nel fuoco amico

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

28a-coraggio

Un soldatino nel fuoco amico:
prega in caserma senza curarsi degli scherni.

Dare testimonianza della propria fede è difficile soprattutto tra amici e compagni: quanti rinunziano a manifestare le proprie convinzioni religiose per non incorrere nel scherno degli amici.

Un figlio di pii genitori, che dovette andare sotto le armi, era stato abituato a dire mattina e sera le sue preghiere in ginocchio, e non volle lasciare questa usanza neppure in caserma.
Fin dalla prima sera si inginocchiò perciò presso la sua brandina, prima di prender sonno, e disse per intera la sua preghiera in silenzio. Nella caserma non si era mai visto nulla di simile e se ne facevano le più matte risate; e poiché egli non se ne dava per inteso, alle risa aggiunsero anche scherni e fischiate: ma egli volle pregare sin o alla fine e solo quand’ebbe terminato si alzò e andò a letto.
La mattina dopo eccolo di nuovo in ginocchio a pregare: e il chiasso degli altri crebbe anche più. La seconda sera fu lo stesso; ma il soldato non si lasciava punto smuovere, sicchè quella sera medesima uno dei camerati ebbe a dire: «Ecco davvero un bravo soldato: vedete come sta fermo dinanzi al fuoco!».
Da allora in poi non solo lo si lasciò pregare in pace, ma anche parecchi altri ricominciarono a rammentarsi e a recitare le loro dimenticate preghiere di famiglia, sebbene non tutti in ginocchio.
Il coraggioso soldato, poi, fece ben presto grandi progressi in carriera.

Bibbia. Libro di Giosuè.
«Non ti ho io comandato: Sii forte e coraggioso? Non temere dunque e non spaventarti, perché è con te il Signore tuo Dio, dovunque tu vada».

Nelson Mandela (1918-2013).
«L’uomo coraggioso non è colui che non prova paura, ma colui che riesce a superarla».

Provare il disagio della paura causata dagli altri e impegnarsi a superarla. Nella cresima il cristiano ha ricevuto lo spirito di fortezza per affrontare ogni paura. I grandi testimoni fedeli ci sono di esempio.
Provare il disagio della paura causata dagli altri e impegnarsi a superarla. Nella cresima il cristiano ha ricevuto lo spirito di fortezza per affrontare ogni paura. I grandi testimoni fedeli ci sono di esempio.

Condividi l'articolo