Un terno al lotto

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

 

Un terno al lotto.

222a-ternoLa gente ha sempre amato il gioco del lotto (o semplicemente lotto) consistente nell’estrazione di cinque numeri, tra l’uno e il novanta, con premio per coloro che ne indovinano più d’uno, con combinazioni di numeri per ambo, terno, quaterna, cinquina. – Oggi sono nate nuove e più aggressive forme del gioco d’azzardo, attirando giocatori di ogni età e sesso per tentare la fortuna, fino a causare una vera e propria dipendenza. Ma il lotto di una volta conserva una certa romanticità, perché i numeri li si chiedeva a intermediari… qualificati; frati, veggenti, saggi… che bonariamente non si sottraevano. Ho visto qualcuno di questi, pressati da richieste, dare numeri a caso… e giocatori pronti a raccoglierli e a giocarli. La storia di oggi presenta un santo, San Giovanni Bosco, dare i numeri… e che numeri!

♦ Un giorno si presentò a san Giovanni Bosco un tale, che cercava numeri, per vincere un terno secco al lotto.
Il santo gli rispose:
– Siete veramente fortunato! Ho sognato proprio questa notte i tre numeri, che fanno al caso vostro. Sono: 7, 10, 2.
L’uomo esclamò:
– Grazie, don Bosco! Me lo diceva mia moglie che voi siete proprio un santo!
♦ Stava per andarsene, quando il santo gli chiese:
– E su quale ruota, buon uomo, li giocherete?
– Vedrò, forse quella di Torino.
– No, caro mio,- lo interruppe il santo,- questi numeri bisogna giocarli sulla ruota del Paradiso.
Il 7 rappresenta i Sacramenti, che dovete ricevere; il 10, i Comandamenti, che dovete osservare; e il 2, i Precetti dell’amore per Dio e per il prossimo, che dovete praticare!
Giocate bene questi numeri. L’esito è sicuro, la vincita enorme: il Paradiso!

Forse bisognerebbe dirlo ai giocatori di azzardo: la più grande fortuna è vincere il Regno di Gesù!.
(fonte: Esempi catechistici).

Oggi sono nate nuove forme e più aggressive del gioco d'azzardo, attirando giocatori di ogni età e sesso per tentare la fortuna, fino a causare una vera e propria dipendenza. Ma il lotto di una volta conserva una certa romanticità, perché i numeri li si chiedeva a intermediari... qualificati; frati, veggenti, saggi...
Oggi sono nate nuove forme e più aggressive del gioco d’azzardo, attirando giocatori di ogni età e sesso per tentare la fortuna, fino a causare una vera e propria dipendenza. Ma il lotto di una volta conserva una certa romanticità, perché i numeri li si chiedeva a intermediari… qualificati; frati, veggenti, saggi… che bonariamente non si sottraevano.
Condividi l'articolo