Un villaggio per bambini autistici

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

103a-Autismo1

Oltre Il Labirinto, un villaggio per bambini autistici.

Tutto è cominciato con un sogno. «Una notte in cui ho immaginato un posto bellissimo, verde, dove mio figlio, assieme  ad altri bambini, correva sereno e non dovevo preoccuparmi se entrava in casa di altri o di cosa  diceva o faceva perché il  mondo intorno lo capiva». 

Quel sogno per Mario Paganessi è diventato un progetto di vita che ha condiviso con altre famiglie ed è confluito nella Fondazione Oltre il Labirinto di cui è direttore generale.
La onlus vuole offrire una risposta concreta ai bisogni dei ragazzi autistici e delle famiglie coinvolte in questa disabilità. L’autismo è una sindrome complessa, che colpisce il cervello di un individuo alterandone le abilità relazionali e la sua capacità di comunicare. Sebbene sia molto diffusa, ma ancora poco conosciuta, questa sindrome comporta gravi conseguenze a livello comportamentale.
L’obiettivo è dare una vita autonoma

Si stima che in Italia ne siano affette oltre 400mila persone e, tra queste, circa 1 bambino su 150. Da tre anni la Fondazione Oltre il Labirinto è impegnata nella realizzazione del villaggio “Godega 4Autism”, primo esempio europeo di cohousing (ossia condivisione abitativa) per autismo.
Il villaggio, che prende il nome dal comune di Godega di Sant’Urbano (Treviso) dove si sta sviluppando, è pensato come una struttura lavorativa, terapeutica e, in futuro, anche residenziale dove le persone autistiche non saranno isolate, ma potranno restare vicino alle loro famiglie.
Attualmente sono in corso attività pratiche di cura e allevamento degli animali e di coltivazione, raccolta e pulitura dei prodotti ortofrutticoli, un laboratorio di cucina e uno di musicologia. Nel centro vengono raccolti, puliti e confezionati tappi di sughero da inviare ai punti di riciclo. Nella struttura è attivo, inoltre, un laboratorio di falegnameria e meccanica per la riparazione di biciclette.

Madrina della Fondazione è l’attrice Maria Grazia Cucinotta e il 22 marzo partirà una campagna di raccolta fondi con sms solidale al 45505 che terminerà il 12 aprile (il 2 aprile ricorre la Giornata mondiale dell’Autismo). «Guardo al futuro con un misto di paura e speranza. Oggi il mio obiettivo e quello degli altri genitori è offrire un progetto di vita autonoma ai nostri figli e farli crescere in un mondo che sia più comprensibile per loro» conclude Paganessi.
Sito web: http://www.oltrelabirinto.it 

Dare una vita autonoma ai bambini autistici -  L’autismo è una sindrome complessa, che colpisce il cervello di un individuo alterandone le abilità relazionali e la sua capacità di comunicare. Molto diffusa, ma ancora poco conosciuta, questa sindrome comporta gravi conseguenze a livello comportamentale.
Dare una vita autonoma ai bambini autistici – L’autismo è una sindrome complessa, che colpisce il cervello di un individuo alterandone le abilità relazionali e la sua capacità di comunicare. Molto diffusa, ma ancora poco conosciuta, questa sindrome comporta gravi conseguenze a livello comportamentale.

Condividi l'articolo