Una Casa per Dio

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Una Casa per Dio.

234a-chiesa“Hai preparato, o Dio, una casa per il povero”, dice una preghiera liturgica. Ed il povero da sempre ha pensato a preparare una Casa per il suo Dio.  – Davide, al termine di tutte le sue battaglie, culminate con la vittoria sui nemici, confidò al profeta Natan che era giunto il tempo di costruire una Casa a Dio. Dio apprezzò il pensiero di Davide; ma rispose attraverso il profeta che era Lui a costruire una Casa per Davide, la dinastia regale dalla quale nascerà il Messia; e che sarebbe stato il di lui figlio a costruirgli il grande Tempio (cf 1Cr  17, 1 ss). – Costruire una Casa a Dio: il sogno di tanti uomini, piccoli e grandi, poveri e ricchi. Ecco una bella storia missionaria.

Un cinese andò dal padre missionario. Gli disse:
♦ – Ho un gran desiderio di costruire una casa per il vero Dio.
Gli rispose il missionario:
– Il tuo è un ottimo desiderio; ma occorrono molti soldi: dove li prendiamo?
– Voglio farla – aggiunse il vecchietto gentile – a mie spese.
♦ Il sacerdote, vedendo da anni quell’uomo condurre una vita estremamente povera e credendo il suo desiderio frutto di esaltazione spirituale, per scoraggiarlo, gli fece osservare:
– Mio caro, il villaggio è grande; se si costruisce una chiesa, deve essere molto grande… e tu da solo non ce la farai mai!
Replicò il povero con tutta la gentilezza orientale:
– Chiedo perdono, padre, se insisto; ma io penso d’essere capace di far costruire una chiesa grande per Dio.
– Ma non capisci che occorrono moltissimi soldi… più di seimila franchi?
– Padre, io ho già pronti tutti questi soldi e se non saranno sufficienti, me ne guadagnerò altri!
♦ Il missionario rimase attonito, quasi incredulo. Chiese:
– Come ti sei procurato tanti soldi?
Rispose con un meraviglioso sorriso carico della lunga fatica della sua vita:
– Padre mio, fin da giovane ebbi questo desiderio, oltre quaranta anni fa. Ho sempre risparmiato sul mio vitto e sul mio vestito; ho sempre lavorato; non mi sono neppure sposato. Ebbi per tutta la vita una sola grande voglia: lasciare, prima di morire, nel mio villaggio, una casa grande per il vero Dio: quello dell’Amore, quello che ha messo la sua casa nel mio cuore!
(fonte: Casali, Catechesi festiva oggi, Ed. Regnum Christi)

La promessa di Dio a Davide
Quando i tuoi giorni saranno finiti e te ne andrai con i tuoi padri, susciterò un discendente dopo di te, uno dei tuoi figli, e gli renderò saldo il regno. Costui mi costruirà una casa e io gli assicurerò il trono per sempre. Io sarò per lui un padre e lui sarà per me un figlio. Io lo farò star saldo nella mia casa, nel mio regno; il suo trono sarà sempre stabile”. (1Cr 17, 12-14).

"Hai preparato, o Dio, una casa per il povero", dice una preghiera liturgica. E i poveri da sempre hanno pensato a perparare una Casa per il loro Dio.
“Hai preparato, o Dio, una casa per il povero”, dice una preghiera liturgica. E i poveri da sempre hanno pensato a preparare una Casa per il loro Dio.

Condividi l'articolo