Una sorpresa piccante

Storia surreale da films americani

Attimi di paura per un vasetto gastronomico, la “Bomba calabrese”

"Bomba calabrese”, ricetta piccante tutta da spalmare - foto Libertino

Questa è la storia surreale accaduta qualche giorno fa a Modena. Protagonista involontario anche un giovane di Tropea che, emigrato per lavorare nella cittadina emiliana, si è ritrovato coinvolto in un episodio dai contorni quasi comici. Il giovane tropeano F.L.T. ritornato a casa, nella perla del Tirreno, per le ferie Pasquali ha il desiderio di portare in dono ad un suo amico modenese qualche specialità e souvenir calabrese; così decide di andare in uno dei tanti negozietti di artigianato e prodotti tipici per fare acquisti. Finite le ferie rientra a Modena e incontrato l’amico gli affida un pacchetto: questi, parte subito per motivi di lavoro, assentandosi parecchi giorni e dimentica il regalo in macchina. Tornato dalla Spagna, sta per fare rientro nella propria abitazione quando, costretto ad una brusca frenata, si ritrova col pacchetto tra i piedi da cui spunta una miccia che sembra propria di un candelotto. Si allarma, scende dall’auto, chiama il 113 e denuncia una bomba nell’abitacolo dell’autovettura. Lo scenario diventa da films americani: giungono sul posto le forze dell’ordine, i pompieri, gli artificieri, un elicottero sorvola la zona. Attimi di paura e panico ma, alla fine, una sorpresa piccante: si tratta soltanto di un vasetto gastronomico la “Bomba calabrese”, ricetta piccante tutta da spalmare effettivamente confezionata a forma di candelotto. Tutto bene quel che finisce bene quando un semplice gesto di cortesia si trasforma in una commedia dell’assurdo.

Condividi l'articolo
Caterina Sorbilli
Caterina Sorbilli

Docente nelle scuole del I ciclo, collaboratrice storica di Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritta all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.