Una suora contro la tratta delle schiave

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

263a-suora

Una suora contro la tratta delle schiave.

Assisi – Nel grande evento “Sete di Pace” che ha avuto luogo ad Assisi la settimana scorsa non sono stati presenti solo leader religiosi (oltre 500), ma operatori di pace, quelli che sul campo costruiscono ogni giorno la pace; presenti anche ‘missionari’ della pace come suor Rosemary Nyirumbe, la religiosa ugandese che lotta per salvare le bambine-soldato sequestrate in Africa centrale dal LRA, brutalizzate e fatte schiave sessuali. E il mondo la guarda e ascolta commosso.

♦ La battaglia di suor Rosemary contro la tratta delle schiave.
Ad Assisi fra i leader religiosi, rappresentanti del mondo della cultura e delle istituzioni presenti all’incontro internazionale ‘Sete di pace’ organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, dalla diocesi e dai francescani di Assisi, trent’anni dopo il primo storico incontro a cui partecipò Karol Wojtyla, c’era anche Rosemary Nyirumbe – religiosa ugandese che tutti i giorni lotta contro la violenza dell’Esercito di Resistenza del Signore (LRA), milizia che per anni ha seminato morte in Africa centrale.
♦ Il dramma delle baby soldato. In un incontro in cui non mancano le vittime delle guerre nel mondo, suor Nyirumbe (nel 2007 “eroe dell’anno” per la Cnn, tra le cento persone più influenti al mondo per Time nel 2014, l’unico altro cattolico nella lista era papa Francesco), racconta del suo lavoro quotidiano per salvare le baby-soldato, ragazze sequestrate dal Lra, brutalizzate e fatte schiave sessuali dei miliziani, le baby soldato cui è stata rubata ogni innocenza.
♦ Suor Rosemary, il prossimo febbraio, accompagnerà al Congresso USA tre ex baby soldato: testimonieranno le violenze e i soprusi subiti dal Lra. Sulla testa del leader terrorista Joseph Kony pende ancora una taglia da 5 milioni di dollari, che lo fa uno dei malfattori più ricercati al mondo.
♦ Una grande avventura, iniziata come un sogno. Dice suor Rosemary: “Con il passare degli anni i miei sogni sono diventati sempre più grandi e le mie idee si sono chiarite. Ho imparato che se tieni i tuoi sogni per te, allora non si realizzeranno mai. Se invece li condividi con altre persone, si concretizzano. Se sogni in grande, si avverano grandi cose. Non smetterò mai di sognare in grande”.
(fonte: la Repubblica.it).

Ad Assisi tra gli operatori di pace, quelli che sul campo costruiscono ogni giorno la pace; presenti anche 'missionari' della pace come suor Rosemary Nyirumbe, la religiosa ufandese che lotta per salvare le bambine-soldato sequestrate in Africa centrale dal Lra, brutalizzate e fatte schiave sessuali. E il mondo la guarda e ascolta commosso.
Ad Assisi tra gli operatori di pace, quelli che sul campo costruiscono ogni giorno la pace; presenti anche ‘missionari’ della pace come suor Rosemary Nyirumbe, la religiosa ugandese che lotta per salvare le bambine-soldato sequestrate in Africa centrale dal LRA, brutalizzate e fatte schiave sessuali. E il mondo la guarda e ascolta commosso.
Condividi l'articolo