Una Tropea in chiaroscuro

Flessione delle presenze per gli operatori

C’è anche chi lamenta carenza di servizi, soprattutto viabilità e trasporti. Ma ci sono turisti soddisfatti

La cittadina tirrenica, rienuta per diversi motivi, la capitale del turismo calabrese, comincia a confrontarsi con la stagione turistica che dai primi segnali si annuncia positiva anche se su questo aspetto balenano vari dubbi. Gli operatori ed i commercianti sono concentrati sulle loro attività e ciascuno sta facendo le proprie stime in vista di Luglio e Agosto, i due mesi centrali per antonomasia della stagione delle vacanze. La “Perla del Tirreno” sta presentando in questo momento un caleidoscopio di umori e di dati che si alternano e si smentiscono a vicenda, mettendo in campo variegate prospettive. Secondo alcuni operatori del settore, Tropea, sta subendo una grave flessione nel campo della domanda turistica, ma anche per quanto riguarda le vendite dei cosiddetti pacchetti. Prospettiva questa che si unisce alla drammatica percezione di una situazione in “chiaroscuro”, dominata da prospettive negative, dettate anche dal problema nazionale dell’inflazione e dal nodo infrastrutture. L’altra campana vede invece un trend in crescita ed una situazione sostanzialmente positiva ed incoraggiante. Anche da parte dei turisti si riscontrano opinioni variegate. C’è chi dice di aver trascorso una vacanza bella e piacevole, chi invece lamenta grandi carenze e disagi nei servizi erogati, come ad esempio la viabilità, i trasporti, la pulizia, la sicurezza. La cittadina, in sostanza, è percorsa da una frangia di persone che gridano all’emergenza ed un altra che si dice soddisfatta dell’avvio promettente della stagione estiva. Un estate, quella tropeana, su cui ancora si riflettono le beghe pre-estive come l’accusa di immobilismo e di scarsa progettualità mossa all’Amministrazione comunale nel corso di questi mesi. Di fronte a questa situazione l’Assessore comunale al Turismo Michele Accorinti, impegnato nella definizione del programma estivo degli eventi che verrà presentato a breve, ha detto che ci troviamo davanti «una stagione turistica di grandissimo livello e all’altezza del nome e dell’immagine di Tropea». «Nonostante siamo ancora in una fase embrionale della stagione – ha proseguito Accorinti – posso dire che i primi dati di cui sono a disposizione e che derivano da un confronto con operatori turistici del luogo, il periodo attuale presenta indici positivi che fanno ben sperare per i prossimi mesi». L’assessore al turismo continuando nella sua analisi ha aggiunto che «la cittadina è affollata di turisti, anche stranieri e sembra addirittura che siano aumentate le presenze. Tutto ciò sicuramente dettato da un’attività promozionale senza precedenti che noi abbiamo portato avanti e che stiamo continuando in questa direzione». Michele accorinti, entrando più nei particolari, ha comunicato di essersi attivato per garantire un servizio trasporti efficiente. E ancora per quanto riguarda la scala che scende alla Marina dell’isola, ha assicurato che si stanno ultimando i lavori per il percorso alternativo provvisorio che consenta ai turisti di usufruire della scalinata ed al tempo stesso agevolare la ditta nei lavori che deve compiere per riportare il tratto alla bellezza originaria. Inoltre l’Assessore si è dichiarato soddisfatto per la realizzazione dell’impianto di videosorveglianza nel centro storico. Ulteriori rassicurazioni anche sul progetto, in fase di approvazione, relativo alla realizzazione dei bagni pubblici. Su un punto importante Michele Accorinti ha ritenuto necessario richiamare l’attenzione di tutti, non senza una sottile vena di polemica :«Anche se esistono indubbi punti problematici che incombono sullo svolgersi di ogni stagione estiva, di cui sono perfettamente consapevole, occorre che ognuno sia disposto a dare il suo contributo, abbandonando una volta per tutte le polemiche strumentali tramite i mezzi di informazione che, invece di rappresentare stimoli positivi, non rappresentano altro che un gravissimo danno arrecato all’immagine di Tropea».

Condividi l'articolo