Visita Pastorale a San Francesco

TROPEA – Ieri sera nelle chiesa di San Francesco di Paola e del Carmine

La Visita Pastorale nella Parrocchia di San Francesco di Paola

Il Vescovo mons. Luigi Renzo ieri sera ha visitato  la parrocchia
incontrando i fedeli nelle due chiese.

Intensa e sentita la Visita Pastorale del Vescovo Luigi Renzo nella Parrocchia di San Francesco a Tropea.

Il parroco don Muscia insieme alla Confraternita e ai fedeli accoglie il Vescovo.

 Ieri pomeriggio, un bel pomeriggio luminoso, la parrocchia San Francesco di Paola ha accolto la Visita pastorale del Vescovo. Il parroco don Francesco Muscia insieme alla Confraternita ed a un bel numero di fedeli hanno attesto il Pastore della Diocesi presso il monumento del Santo e lo ha accompagnato all’ingresso del Santuario.
Qui il Vescovo ha benedetto tutti i presenti ed ha fatto l’ingresso nella chiesa dove ha presieduto la solenne concelebrazione.

Il Vescovo, mons. Luigi Renzo, benedice i fedeli all’ingresso nella chiesa di San Francesco (foto Caracciolo).

Il parroco don Francesco Muscia nel salutare il Vescovo ha tracciato rapidamente la fisionomia della parrocchia, la quale attualmente risente del frazionamento geografico (tre agglomerati piuttosto distanti facenti capo a San Francesco, al Carmine e alla Marina) e del ridotto numero di fedeli che la compongono, come si evince anche dalla celebrazione del sacramento del battesimo (in quest’anno solo due battesimi!).
Il Santuario si presenta oggi abbastanza accogliente, grazie ai lavori di restauro di anni addietro assicurati con la mediazione dell’attuale vescovo che allora era il responsabile regionale CEI per i beni culturali ecclesiastici della Calabria. Ma è evidente anche che occorre una continua manutenzione a miglioramento strutturale.

La statua di San Francesco di Paola attira ancora numerosi tropeani. (foto Brugnano)

__________ 

Il Vescovo nell’omelia risponde al saluto e assicura la sua vicinanza costante, di cui la Visita Pastorale diventa un segno tangibile. Incoraggia poi la fede e l’impegno dei fedeli da praticare quotidianamente. In particolare la “pietas” verso San Francesco di Paola, il Protettore dei Calabresi: non un devozionismo, ma una “pietas” capace di tradurre nella vita gli atteggiamenti del culto e della religiosità.
Il Vescovo alla fine della messa si è intrattenuto con i fedeli e questi hanno percepito la presenza del vescovo come quella del loro Pastore, come fosse il loro Parroco.

La Visita Pastorale poi si sposta alla chiesa del Carmine, dove è proposto un breve momento di preghiera mariana: supplica alla Madonna del Carmine e canto della Salve Regina. Non pochi fedeli si sono spostati (in fretta e in maniera sparsa) dalla chiesa di S. Francesco a quella del Carmine alla luce dei flambeaux (la caratteristica candela accesa che si usa nelle fiaccolate) ed hanno pregato e cantato con gioia.

P. Salvatore Brugnano, vice parroco, guida la preghiera della Supplica alla Madonna del Carmine (foto Caracciolo).

Il Vescovo riceve il saluto della Congrega attraverso il segretario Enzo Taccone, da poco rientrato dal cammino di Santiago e carico di mille sensazioni.
Nel corso del dialogo viene fuori una “preziosa” istanza, quella di poter organizzare a Tropea un servizio stabile per i disabili. Ovviamente per realizzare la cosa occorre la sinergia di  varie forze, civili ed anche religiose per mettere su una struttura di riferimento e con forze di volontariato.

Il Vescovo termina l’incontro salutando i presenti e dando l’arrivederci alla seconda parte della visita che avrà luogo nel pomeriggio del prossimo 20 novembre alla Marina di Tropea: qui verrà celebrata la santa messa, l’incontro con i pescatori, la visita a qualche ammalato.

Il Vescovo, mons. Luigi Renzo, si intrattiene con in Confratelli della Congrega (foto Caracciolo).

 

Condividi l'articolo