Vocazioni Redentoriste l’esempio di una famiglia

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

112a-vocazionicssr

Vocazioni Redentoriste: l’esempio di una famiglia.

Non sappiamo se la storia che stiamo per raccontare rappresenta un record per il mondo Redentorista, ma è certamente interessante. C’è una famiglia italiana, precisamente di Pagani (SA) – un luogo conosciuto da tutti i Redentoristi del mondo – che conta quattro vocazioni di speciale consacrazione: due sono Missionari Redentoristi, due sono diventate Monache del Santissimo Redentore, anche se una di esse è volata al cielo 30 anni fa.

♦ Sabato 16 aprile, nella Basilica di sant’Alfonso a Pagani, è stato ordinato presbitero il diacono Mario Ceneri. Egli appartiene ad una famiglia numerosa: 6 figli in tutto, di cui due – Giulia ed Angela – hanno scelto la via del matrimonio.
La prima, Drusiana, decise di entrare nel Monastero dell’Ordine Redentorista di Scala, subito dopo seguita dalla sorella Annamaria. Drusiana morì quando era ancora giovane, per un improvviso male di natura cardiaca, mentre oggi suor Annamaria è Superiora del Monastero di Sant’Agata dei Goti, a favore del quale ha speso e continua a spendere tante energie, per rinnovarlo nelle strutture, nelle mura e per una sempre più efficace presenza nella Chiesa locale.
Dal canto suo, il fratello Alberto decise della sua vocazione quando era ancora giovane: da buon cittadino di Pagani, non ebbe dubbi nel decidere per i Redentoristi, finora ha vissuto la sua missione nel campo della parrocchia, della solidarietà per la missione Redentorista in Madagascar, e nelle missioni popolari nel Sud Italia.
L’ultimo a seguire la vocazione Redentorista è stato Mario. Il suo percorso è stato singolare: ha condiviso tante esperienze nella Pastorale Giovanile e Vocazionale Redentorista, ha cominciato a lavorare nel negozio tenuto dai genitori, poi sembrava che la volontà di Dio lo chiamasse nell’ordine dei Frati Minori. Ma evidentemente sant’Alfonso non voleva perdere il confronto… ed ecco che Mario è tornato a bussare alla porta della Provincia Napoletana, ha ultimato i suoi studi, ha vissuto quasi due anni nella parrocchia Redentorista di Palermo, e sabato scorso è salito all’altare di Dio, ordinato dal Vescovo di Nocera – Sarno, Mons. Giuseppe Giudice.
♦ All’evento erano presenti tantissimi fedeli, ma anche confratelli della Provincia Romana e Napoletana, oltre che i due Consiglieri Straordinari del Governo Generale, Juventius Andrade e Alberto Eseberri.
Auguri P. Mario! E grazie famiglia Ceneri, per averci insegnato la lezione più importante: è la famiglia il luogo in cui si preparano e maturano le vocazioni per il Regno di Dio.

(fonte: P. Serafino Fiore in www.cssr.news/italian, 20 aprile 2016).

La famiglia Ceneri di Pagani (SA) è una famiglia interamente redentorista:  conta quattro vocazioni di speciale consacrazione: due sono Missionari Redentoristi, due sono diventate Monache del Santissimo Redentore, anche se una di esse è volata al cielo 30 anni fa. Due altre figlie hanno scelto la via del matrimonio.
La famiglia Ceneri di Pagani (SA) è una famiglia tutta redentorista con quattro vocazioni: due sono Missionari Redentoristi e due sono diventate Monache del Santissimo Redentore, anche se una di esse è volata al cielo 30 anni fa. Due altre figlie hanno scelto la via del matrimonio. La famiglia è il luogo in cui si preparano e maturano le vocazioni per il Regno di Dio.
Condividi l'articolo