Zambrone, chi sfiderà Landro?

Il primo cittadino in carica affina la lista

Sul fronte opposto nessuna novità

Mancano ormai pochi giorni alla presentazione delle liste, eppure gli schieramenti in lizza per la competizione amministrativa non sembrano ancora del tutto definiti. Se da una parte l’attuale sindaco di Zambrone, Pasquale Landro, ha quasi completato la composizione della sua lista, che dovrebbe presentarsi come un mix di vecchi e nuovi elementi, sul versante socialista, di contro, permane un atteggiamento di prudenza. Nel primo dei due schieramenti la ripartizione dei candidati non dovrebbe riservare molte sorprese, con quattro candidati a rappresentare il capoluogo, tre provenienti dalla frazione di San Giovanni, due da Daffinacello ed un candidato a testa per Madama, la marina e Daffinà. Una composizione simile, insomma, a quella che cinque anni addietro portò Landro alla vittoria. Sul fronte socialista, invece, paiono prendere sempre più corpo due soluzioni. La prima condurrebbe verso la candidatura alla carica di primo cittadino di una donna. La seconda, più pragmatica, prevede l’investitura di una personalità con un bacino di voti più consistente. Si tratta di indiscrezioni, certo, sulle quali allo stato attuale nessuno vuol dare conferma alcuna. Ma che il riserbo caratterizzi la presente tornata elettorale è cosa arcinota. Per questo motivo, quindi, non è da escludere un colpo di scena dell’ultimo minuto. Il tentativo della seconda compagine, comunque, sarebbe quello rafforzarsi con nuove energie coinvolgendo nel progetto figure nuove da reperire tra i giovani.
Intanto si allarga il fronte degli esponenti che hanno deciso di dare forfait alla prossima contesa elettorale. Oltre alle già note personalità che nelle scorse settimane si sono tirate fuori dai giochi, non saranno della partita nemmeno Francesco Grillo e Michele Ferrara, consiglieri comunali di minoranza uscenti.
Ad ogni modo, la sensazione percepita tra la gente è che, rispetto al passato, gli zambronesi assistano alla fase preparatoria delle liste con un certo distacco. Eppure Zambrone è sempre stata teatro di appassionate battaglie politiche. Spesso, in passato, le tornate comunali si sono risolte per una manciata di voti, altre volte, invece, il margine di successo ha assunto dimensioni più nette, ma in ogni caso le elezioni per il rinnovo del sindaco e del Consiglio comunale hanno dato origine ad aneddoti ed episodi che sono entrati a fare parte della storia locale e che sono stati immortalati, negli ultimi cinque anni, dal meritorio periodico locale “Cronache aramonesi” di Corrado L’Andolina. I tempi, però, sono ormai cambiati, e l’assenza dei partiti, con la loro tradizionale struttura, profondamente ancorata alla realtà territoriale, ha spogliato le piccole realtà nostrane di parte della loro anima. Ai cittadini, l’onere di recuperarla.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.