Piserà lancia la sua idea

Per le elezioni comunali 2010 Antonio Piserà, già consigliere comunale e responsabile del Gruppo di Protezione Civile di Tropea, lancia la sua idea di democrazia partecipativa. L’iniziativa in questione si chiama “1000 e un’idea per Tropea”, ed è un invito rivolto a tutti i cittadini che hanno a cuore il futuro di Tropea per scrivere “assieme, in maniera concreta – si legge sui volantini distribuiti da ieri in tutto il centro costiero – il programma amministrativo per far ripartire la nostra città”.

Il Pdl deve ascoltare la base

È in dubbio che nel centrodestra vibonese esista un clima di discriminazione nei confronti di quanti continuano ad avere fra i punti di riferimento l’on. Domenico Basile e tutto quello che egli ha rappresentato e continua a rappresentare. E questo avviene nonostante l’on. Basile riscuota sempre vasta stima, considerazione, consensi, specie fra la base di militanti e simpatizzanti del Pdl e vasti settori della società civile. Pensavamo che la nascita del partito unico fosse un’occasione da non perdere per lasciarsi alle spalle le discriminazioni e i veti che hanno contraddistinto a Vibo e in provincia gli ultimi anni di Alleanza Nazionale. Si continua, in effetti, a non tener conto del pensiero e delle necessità della base, ancora una volta ritenuta utile solo per raccoglierne i voti.

Ricordando il Venerabile

 Il nostro giornale non può lasciare come “sfuggito” alla sua attenzione giornalistica questo evento della vita cittadina tropeana che ha richiamato un buon numero di persone, semplici fedeli e persone di cultura. Il nome del Venerabile P. Vito Michele di Netta è legato ormai indissolubilmente alla storia di Tropea per il grande apostolato svolto da questo santo sacerdote per 37 anni ha nella città e nel resto della Calabria ed anche per l’influsso che egli ha lasciato sulla vita religiosa e sociale dopo la sua morte, avvenuta il 3 dicembre 1849 a Tropea, nella stanza dell’attuale Municipio che si appoggia alla chiesa del Gesù, un tempo facente parte del Convento liguorino.

Ancora una frana a Tropea

Un’altra frana che ha interessato la rupe di Tropea si è verificata ieri. Una pericolosa pioggia di mattoni e pietre staccatisi forse da uno degli edifici del centro storico, si è abbattuta l’altra notte sul lungomare Antonio Sorrentino, nei pressi dello scoglio di Santa Maria dell’Isola. Questa volta non è stato il costone roccioso a cedere, dunque, ma materiale proveniente da una costruzione.

La caduta del Papa

Dopo la caduta del Papa provocata da una squilibrata proviamo a mandargli un sorriso
Giesù Cristo peccerille. La canzoncina napoletana di S. Alfonso che fece sorridere Ratzinger
Tutto il mondo ha seguito in diretta, con senso di sbigottimento, l’audace e inconsulto gesto della donna italo-svizzera Susanna Maiolo, che, dopo aver scavalcato con sorprendente facilità la transenna, ha tentato di buttarsi sul Papa che si stava recando all’altare per la celebrazione della notte di Natale.

Indirizziamo le nostre idee!

Da qualche giorno fra le mani dei tropeani sta passando una busta con un indirizzo preciso.
Non si tratta di una letterina da inviare a Babbo Natale, niente di tutto ciò. Le buste contengono un foglio prestampato attraverso il quale è possibile esprimersi con un commento personale volto a sostenere l’idea di una eventuale candidatura dell’onorevole Angela Napoli a sindaco di Tropea.

A Ricadi uno show ricorda Mino

Le feste natalizie, si sa, sono il miglior periodo dell’anno per riscoprire la tradizione. C’è chi, però, alla valorizzazione delle proprie tradizioni ci pensa tutto l’anno, facendone una missione di vita, trasformando questa attività nel proprio lavoro. È Vinz De Rosa, cantautore italo-canadese, che ha venduto in Canada decine di migliaia di copie del suo Cd “Cori Calabrisi”. Per valorizzare la cultura musicale calabrese, l’agenzia di promozione Pubblicom ha allora deciso di dare vita, assieme a Vinz, ad uno spettacolo musicale. Si intitola “Calabria mia show”, si terrà il 26 dicembre alle 21 presso il Palazzo dei congressi di Ricadi, e durerà circa tre ore. “La musica – spiega Vinz -, come la lingua, gli usi e i costumi, sono parte integrante della cultura di un popolo e lo identificano come tale. Le nostre canzoni ci identificano in tutto il mondo, perché la canzone tradizionale o folk, è l’espressione più pura del popolo e porta con sé le gioie e i dolori, le paure, le vittorie e le sconfitte, la rabbia, il modo di vivere e di pensare, è, in pratica, la storia di un popolo in musica e parole”.

Arena è il nuovo presidente Ascot

Da oggi l’Associazione dei commercianti di Tropea ha un nuovo presidente.  E’ Claudio Arena, giovane esercente della cittadina, molto attivo nell’associazione in qualità di componente del direttivo uscente. L’assemblea chiamata a eleggere il presidente, riunitasi nella Biblioteca Comunale “Albino Lorenzo”, era numerosa come non mai ed estesa anche ai non iscritti, per cui si è provveduto, prima di procedere alla votazione, ad effettuare opportune modifiche allo statuto. I candidati erano Claudio Arena, Cristian Saturno e Nicola Natale.

Torna il veglione di Natale

Anche quest’anno si svolgerà, come di consueto, il grande evento natalizio tropeano.
Il veglione più atteso dell’anno è organizzato da un gruppo di giovani, battezzatosi “I Fedelissimi”, composto da Alessandro Mamone, Gabriele Saturno, Vincenzo Saturno, Claudio Ortelio, Giuseppe Giuditta, Ignazio Calò. Questi ragazzi, tutti con una grande passione per la musica e un amore smisurato per la loro cittadina, hanno deciso di dare un calcio alla noia della routine quotidiana, preparando una serata tutta all’insegna del divertimento e, soprattutto, della buona musica.

Polemica assolutamente sterile

Liberi dalle scorie, il convengo del Pdl tenutosi al teatro “La Pace” il 7 u.s., ha dato luogo ad una grottesca ed altrettanto sterile polemica innescata dal presidente della Pro Loco drapiese e culminata nell’”ira” del Sindaco Porcelli furioso con gli organizzatori, me per primo, perché colpevoli di una serie di mancanze, prima tra tutte l’indicazione del teatro “La Pace” come ubicato a Tropea e non a Drapia.