Furto all’Ospedale di Tropea

Ancora un furto all’Ospedale civile di Tropea. Dopo il colpo messo a segno in ottobre all’Ufficio ticket, infatti, che aveva fruttato una cifra prossima ai 28mila euro a chi ha commesso il reato, ancora una volta la struttura ospedaliera di Tropea registra una “visita indesiderata”. Questa volta è l’Economato ad aver subito un furto.

Tropea: quale futuro?

Il dibattito sul futuro della cittadina ha preso corpo in Biblioteca Comunale nella serata del 12 Dicembre. L’incontro “Tropea 2010-Quale futuro?” organizzato dall’Atos ha riscosso un discreto successo, anche se molte delle personalità invitate hanno declinato l’invito per ragioni più o meno discutibili, in qualche caso giustificate. Non è mancato qualche intervento fuori programma che ha certamente contribuito in maniera positiva alla discussione.

Risarcita per danni subiti a scuola

Altro che topino dei denti, il Ministero dell’Istruzione pagherà 10mila euro di danni per un incisivo rotto. La sentenza che lo ha stabilito giunge dopo nove anni di causa, iniziata nel 2001. A difendere la piccola A.M., vittima di un incidente tra i banchi della scuola elementare, è stato l’avvocato Saverio Ciccarelli di Tropea. Il fatto al centro del dibattito accadde il 14 dicembre del 1999, quando la bimba, oggi divenuta maggiorenne, frequentava l’ultima classe della primaria di Tropea.
Poco prima delle lezioni pomeridiane, il suo compagno di classe S. A. le scagliò contro una bottiglietta di acqua minerale di plastica da mezzo litro. Quello che nelle intenzioni del compagno doveva essere un gesto scherzoso, però, ha causato alla piccola la rottura dell’incisivo superiore

Incontro “Tropea: quale futuro?”

Il primo incontro organizzato dall’Atos, Associazione tropeana operatori stampa, può considerarsi riuscito. Erano presenti molti politici locali, anche se non tutti coloro i quali erano stati invitati ad intervenire. Il criterio seguito dagli organizzatori è stato  molto semplice, cioè quello di invitare a partecipare ad un dibattito, moderato dalla giornalista Concetta Schiariti, tutti gli attuali candidati a sindaco e gli ex sindaci della città, assieme a tutti quelli che hanno ricoperto o ricoprono cariche di consigliere provinciale e a chi si è già fatto avanti come candidato per il Consiglio comunale. L’ordine di intervento è stato preparato in base a quello alfabetico.
Tra i candidati a sindaco si è registrata

Vuoi che Angela Napoli si candidi a sindaco di Tropea?

A seguito delle indiscrezioni riportate dai giornalisti in questi giorni, e dopo le dichiarazioni rilasciate in esclusiva a Tropeaedintorni.it dalla diretta interessata, vorremmo sottoporre al giudizio dei lettori una possibile candidatura di Angela Napoli a sindaco di Tropea. Per chi volesse lasciare anche un commento dopo aver votato vi ricordiamo che è possibile farlo nell’are stottostante il sondaggio.

Intervista all’onorevole Napoli

Abbiamo raggiunto telefonicamente l’onorevole Angela Napoli e siamo riusciti ad intervistarla. Alcuni articoli di giornale proprio stamattina titolavano così: “Tropea, in campo la Napoli”.
Si parla di una possibile candidatura dell’onorevole alle prossime elezioni amministrative tropeane.
Angela Napoli non ha bisogno di presentazioni ulteriori. Il suo retroterra politico parla da sé: costante impegno nell’antimafia e grande indipendenza mostrata lasciando la coalizione del PDL. Una donna calabrese attenta agli umori e malumori dei calabresi.

Tropea non è un paese per giovani

Peppino Romano, con il metaforico aiuto della protezione civile, si ricandida a Sindaco di Tropea; Antonio Euticchio si sottopone con una sua lista al giudizio dei cittadini; Michele Accorinti è capolista dell’Udc con la benedizione (forse) di Egidio Repice e un sospiro di sollievo di Nino Valeri; La sinistra storica del compagno Pasquale D’Agostino pensa (ma è ancora incerta) di schierarsi a fianco del candidato sindaco De Luca; I componenti del neo-comitato tropeano si affidano a chi “esprime la sintesi delle istanze espresse” dal comitato e dai soggetti incontrati; I socialisti di Piergiorgio Centro si distinguono e propongono una soluzione fuori dagli schemi tradizionali; Carmine Adilardi sponsorizza la compagine Utopia tropeana. Francesco Il Grande e Alberto De Monte non demordono e, seppur con affanno, rientrano in campo con la squadra degli indimenticabili; l’ex vicesindaco Cortese sta pensando ad un club politico d’ispirazione risorgimentale; alcune associazioni femminil-femministe avanzano la richiesta di una candidata-sindachessa; le candidature di Pino Rodolico e Mimmo Tropeano rimangono in prognosi riservatissima; Pasquale Orfanò continua ad opporre il suo gran rifiuto e Alfonso Del Vecchio, deluso dalla città degli uomini si consola tra le pagine agostiniane della città di Dio.

Club volontari della Bulgaria

La giornata multietnica organizzata dal “Club volontari della Bulgaria” è stata un successo. Nel pomeriggio di domenica scorsa, presso la casa di riposo “Don Mottola” di Tropea, il sodalizio fondato dalla intraprendente cittadina bulgara Cristina Dimitrova, ha infatti organizzato una manifestazione molto originale. Lo spettacolo, grazie alla partecipazione di persone provenienti da ogni dove, ha avuto un respiro internazionale non solo nel nome. Moltissimo è stato il pubblico accorso per assistere agli spettacoli offerti dagli organizzatori. “Cristina – ci spiega Enzo Taccone, componente del gruppo folk Città di Tropea – non è nuova ad eventi di questo tipo ed infatti l’anno scorso alla Biblioteca Comunale aveva presentato agli amici tropeani la Bulgaria, sia dal punto di vista politico, che da quello delle tradizioni popolari, dell’artigianato, delle danze, del turismo e arricchendo quella splendida serata con pietanze  tipiche della propria nazione”.

Il centro-destra è con Scopelliti

Se qualcuno avesse ancora dubbi, «Scopelliti è il candidato del centro destra calabrese». Questo è il forte messaggio che parte da Vibo Valentia. Questo quanto stabilito dal coordinamento regionale del Pdl qualche ora prima, con una decisione giunta all’unanimità. Un filo conduttore presente in tutti gli interventi dei molti esponenti politici presenti all’incontro organizzato questa sera a Tropea, presso il teatro La Pace, è stato inoltre quello di voler legare al nome di Scopelliti il nome di Giovanni Macrì, giovane avvocato tropeano e già consigliere provinciale del Pdl.