Curiosità dalla storia: James Hepburn, IV conte di Bothwell (1/2)

Amante e poi terzo marito di Mary Stuart, fu complice nel delitto del suo secondo marito, Lord Darnley Inviso a corte, sposò la regina di Scozia con rito protestante. Dopo la sua fuga i lord scozzesi trovarono lettere e componimenti poetici compromettenti attribuiti a Mary Stuart custoditi in uno scrigno d’argento sigillato, regalato alla regina […]

Bando Miur, i tirocinanti calabresi attendono risposte

Servizio prestato presso le istituzioni scolastiche con la finalità di favorire l’integrazione scolastica “La regione Calabria, anziché provvedere alla pubblicazione della graduatoria e al conseguente inizio delle attività, preferisce lasciare scorrere tempo senza pensare alla nostra situazione economica e personale in primis e lasciando le istituzioni scolastiche in serie difficoltà” Siamo persone, uomini e donne, […]

Beati Martiri redentoristi di Cuenca

Tarragona, Spagna 13 ottobre 2013 – Più di 20.000 persone hanno partecipato alla Beatificazione più numerosa della storia: 522 religiosi uccisi durante Guerra Civile Spagnola (1936-1939). – La cerimonia è cominciata con un video-messaggio di Papa Francesco in cui il Pontefice ha proposto l’esempio di questi Martiri che hanno imitato Cristo e ha insistito sulla necessità di “aprirci agli altri, soprattutto ai poveri”. – La beatificazione è avvenuta mentre era era in corso l’anno della Fede e i Redentoristi cominciano a celebrare l’Anno per la Promozione della Vocazione Missionaria: una bella occasione per celebrare il martirio di questi sei Beati, che hanno offerto le loro vite per l’abbondante Redenzione.

Calabria: migranti con piena integrazione

La bella storia di una famiglia di migranti in Calabria a Siderno Superiore (RC). – Arrivati sui barconi nel 2008, Siaka, 37 anni della Costa d’Avorio e Helen, 33 anni della Nigeria, sono stati battezzati insieme con la figlia più piccola Maria dal vescovo di Locri-Gerace Oliva. La figlia maggiore, Fortuna, aveva già ricevuto il Battesimo. – «Si sono perfettamente integrati – spiega il parroco don Giuseppe Alfano – il paese li ha adottati». Ed essi, felici ammettono con semplicità: «Ora ci sentiamo a casa». Anche il vescovo è felice: «Il vero volto della comunità è l’accoglienza».

Da luogo di torture a oasi di preghiera

Da luogo di persecuzione e morte a monastero di preghiera e di contemplazione. Oggi una parte della prigione degli orrori dell’Albania comunista ospita le suore clarisse. I volti dei martiri a Scutari pendono dalle pareti. I persecutori volevano annientarli insieme alla loro fede, invece parlano ancora e attirano sempre più persone che qui arrivano in pellegrinaggio da tutta Europa. E i graffiti realizzati dai prigionieri sui muri della prigione parlano ancora delle loro indicibili sofferenze. Il 30 settembre 2019 questo luogo di sofferenza è stato eretto canonicamente a monastero: “Santa Chiara” di Scutari.

Un vile gesto di cattiveria umana

Un fenomeno strettamente connesso al randagismo, che certo non si risolve uccidendo Ancora una volta ci troviamo a denunciare l’ennesimo caso di avvelenamento di animali randagi Il 2 novembre, a Tropea, in via F. Barone, sono stati rinvenuti alcuni gattini morti per probabile avvelenamento. Un altro gattino in gravi condizioni è stato portato presso l’ambulatorio […]

Zaccheo, devo fermarmi a casa tua!

«Zacchèo, oggi devo fermarmi a casa tua» – «Oggi per questa casa è venuta la salvezza». L’incontro personale con Gesù provoca in Zaccheo la conversione del cuore che si manifesta anche nelle opere concrete che sceglie di compiere. – Proprio da Zaccheo, il pubblicano, potremmo imparare tutti a come migliorare la nostra vita e quella degli altri: rinunziare al male e intraprendere coraggiosamente opere di bene. E la terra da valle di lacrime, potrà diventare giardino in cui vivere in armonia con il creato e con il nostro prossimo. Bisogna tentare, sempre.

Giorno dei defunti, giorno della speranza cristiana

Dice Gesù: “Io sono la risurrezione e la vita. Chi crede in me, anche se muore, vivrà; e chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno”. (Gv 11,25-26) – I cristiani oggi fanno preghiere e gesti sacri per intercedere presso Dio per le anime di tutti coloro che li hanno preceduto nel segno della fede e si sono addormentati nella speranza della risurrezione. «La morte di Cristo ha conferito alla nostra morte un carattere nuovo. – Dio ha convertito la fine in un nuovo inizio, in passaggio alla vita nuova. Ecco perché dobbiamo gettare il nostro cuore oltre il muro della morte, certi della Risurrezione di Gesù.

“Puliamo il Mondo” a Zambrone

L’appuntamento di educazione ambientale di Legambiente ha avuto per tema l’acqua Anche quest’anno il Circolo Legambiente Ricadi e l’Amministrazione comunale di Zambrone, guidata da Corrado L’Andolina, insieme per “Puliamo il Mondo” Anche quest’anno il Circolo Legambiente Ricadi e l’Amministrazione comunale di Zambrone, guidata da Corrado L’Andolina, insieme per Puliamo il Mondo. L’appuntamento di educazione ambientale […]

La gioia con tutti i Santi

SOLENNITA’ DI TUTTI I SANTI – “E quando in cielo la grande schiera arriverà, o Signor, come vorrei che ci fosse un posto anche per me! – Ma intanto, sulla terra, disponiamoci ad accogliere ogni giorno l’invito di Gesù: «Siate santi come il Padre»: invito che a volte ci sembra ai limiti dell’impossibilità. Eppure è necessario che si accolga l’invito evangelico, perché il mondo possa continuare a essere un posto dove l’umano sopravviva e, soprattutto, dove l’egoismo non prenda il sopravvento.