Fede e dintorni

Beati 27 martiri spagnoli proclamati a Siviglia

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Beati 27 martiri spagnoli proclamati a Siviglia.

– A Siviglia, sabato 18 giugno, sono stati proclamati Beati 27 martiri spagnoli per lo più domenicani.
– Il Cardinale Marcello Semeraro ha ricordato che anche oggi ci sono le persecuzioni.
– “Quella del cristiano nel mondo non è mai una situazione comoda e facile, guardiamo alla vita dei martiri domenicani perché la speranza si fa più solida quanto più dure sono le prove da sopportare per amore di Dio”
– Parole forti ascoltate durante la Messa presieduta dal cardinale prefetto delle Cause dei Santi. – Questi nuovi Beati furono persone umanamente molto diverse per il loro carattere, le loro storie personali. Ma li accomunava il carisma di san Domenico: una scelta vocazionale, la loro, vissuta con fedeltà, coerenza, generosità.

Numeri e Nomi.
♦ Nella crudeltà della guerra civile spagnola non mancarono esempi di fede luminosa come quella dei 27 nuovi martiri che sabato 18 giugno la Chiesa ha beatificato.
♦  Nella Messa celebrata nella cattedrale di Siviglia dal cardinale Marcello Semeraro, prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, sono state ricordate le figure di Angelo Marina Alvarez e 19 compagni, dell’Ordine dei Frati Predicatori; Giovanni Aguilar Donis e 4 Compagni, dell’Ordine dei Frati Predicatori; Fruttuoso Pérez Marquez, laico del Terz’Ordine di San Domenico; Isabella Sanchez Romero, monaca professa dell’Ordine delle Suore Domenicane, uccisi in odio alla fede.
♦ “Una moltitudine che ha lavato le proprie vesti nel sangue dell’Agnello”.
Questi nuovi Beati furono persone umanamente molto diverse per il loro carattere, le loro storie personali. Li accomunava, però, il carisma di san Domenico: una scelta vocazionale, la loro, vissuta con fedeltà, coerenza, generosità.

Il candore: esempio di un martirio.
Tra le figure che il cardinale Semeraro ha messo in luce c’è Suor Ascensiòn de San José. “A lei fu chiesto di bestemmiare e calpestare il crocifisso: si rifiutò e le fu spaccato il cranio. Non rinnegò la fede; anzi, morì osannando a Cristo Re e lodando il Santissimo Sacramento.
 Sapeva bene, Suor Ascensiòn, che il sangue dell’Agnello conferisce candore perché è il sangue ‘sparso per molti in remissione dei peccati’”.

Testimoni del Vangelo.
♦ Citando l’Evangelii nuntiandi di San Paolo VI, il prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi si è soffermato sulla “proclamazione silenziosa ma molto forte ed efficace della Buona Novella”. Una definizione che ben si adegua a quella dei nuovi beati.
 “Siamo anche consapevoli, però, che il Signore non ci manda in una situazione comoda e facile! Ce lo ricordano i nostri Martiri. Quella del cristiano nel mondo non è mai una situazione comoda e facile”.

Confortati nella speranza.
Lo ricorda anche Papa Francesco nella Gaudete et exsultate quando ricorda che “le persecuzioni non sono una realtà del passato, perché anche oggi le soffriamo, sia in maniera cruenta, come tanti martiri contemporanei, sia in un modo più sottile, attraverso calunnie e falsità”.

Concludendo, il Cardinale Marcello Semeraro, ha rivolto un incoraggiamento:
“Guardiamo, allora, all’esempio dei nostri Martiri per sentircene confortati.
San Gregorio Magno scriveva che tanto più solida sorge in noi la speranza, quanto più dure sono le prove sopportate per amore di Dio.
Abbiamo fiducia, nonostante le nostre fragilità. La sua forza Dio la rivela proprio nei deboli e anche agli inermi egli dona la forza del martirio”.

(fonte: cf vaticannews, 18 giugno 2022, 12:00).

A Siviglia, sabato 18 giugno, sono stati proclamati Beati 27 martiri spagnoli per lo più domenicani. Il Cardinale Marcello Semeraro ha ricordato che anche oggi ci sono le persecuzioni. – “Quella del cristiano nel mondo non è mai una situazione comoda e facile, guardiamo alla vita dei martiri perché la speranza si fa più solida quanto più dure sono le prove da sopportare per amore di Dio”. La sua forza, Dio la rivela proprio nei deboli e anche agli inermi egli dona la forza del martirio”.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.