Fiducia in Dio, ma come?

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Fiducia in Dio, ma come?

E’ facile dire. “Abbi fiducia in Dio!” Ma è difficile viverla. Viviamo in un mondo in cui la fiducia rimane spesso una bella parola.
– Per Salomone la fiducia in Dio è il punto dal quale ogni giorno dobbiamo cominciare: “Confida nel Signore con tutto il cuore e non affidarti alla tua intelligenza” (Proverbi 3,5).
– La maggior parte di noi ha affrontato nella vita delusioni che ci hanno indotto a dipendere solo da noi stessi. Ma per vivere la vita che Dio ci propone, dobbiamo imparare a riposare nella saggezza di Dio. “O profondità della ricchezza, della sapienza e della conoscenza di Dio! Quanto insondabili sono i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie!” (Romani 11,33).
– Possiamo affidarci al Signore con tutto il cuore ogni giorno! Egli si prenderà cura di noi donandoci benedizione su benedizione!
– Non è facile! Gesù ha detto che dobbiamo rinnegare noi stessi e seguire Lui (Matteo 16,24). Affidarsi veramente a Dio ci impegnerà ogni giorno dall’alba al tramonto, ma non saremo mai soli: “ Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Matteo 28,20).

Santa Teresa nella tempesta.
Santa Teresa nacque ad Avila, in Spagna, nel 1515. Fu una suora carmelitana.
Svolse un lavoro gigantesco e difficile: riformare i Carmelitani, un’istituzione che in quel momento stava vivendo un grande rilassamento. Inoltre, trovava il tempo per fondare numerosi monasteri carmelitani e scrivere libri, che vengono letti fino ancora oggi.
Un giorno, stava viaggiando a piedi, insieme ad una giovane suora.  Al cader della sera, si alzò una forte tempesta.
Poiché non avevano un posto dove ripararsi, entrarono in un pagliaio lungo la strada.
La pioggia scendeva in modo torrenziale, con venti e fulmini, e proseguì per tutta la notte.
Non erano condizioni per proseguire il viaggio.
La giovane suora era preoccupata, con la paura degli scorpioni, dei ragni e dei serpenti velenosi nascosti nella paglia.
Ma suor Teresa, invece di preoccuparsi, disse la seguente preghiera:
“Signore, siamo stanchi e abbiamo bisogno di sdraiarci. Proteggici in questa notte!”
Poi si sdraiò sulla paglia e dormì profondamente.
La giovane suora, invece, non riuscì a dormire per la paura.

Dio è provvidenza e si prende cura di noi.
In tutte le situazioni della vita dobbiamo restare tranquilli, fare la nostra parte e fidarci di Lui.

Esercitarsi nella fiducia in Dio
Gli atleti fanno esercizi e allenamenti per raggiungere risultati importanti. Nella via dello spirito non deve mancare l’allenamento e l’esercizio quotidiano su come affidarsi a Lui. Ecco alcuni passi da non trascurare: Non dipendere da te stesso – Grida a Dio il tuo problema – Fuggi dal male – Metti Dio al primo posto – Confrontati con la parola di Dio – Ascolta lo Spirito Santo – Rimani sempre nell’amore di Dio.

“Abbi fiducia in Dio!” Facile a dirsi, difficile a metterlo in pratica. Viviamo in un mondo in cui la fiducia rimane spesso una bella parola. La fiducia in Dio è il punto dal quale ogni giorno dobbiamo cominciare: “Confida nel Signore con tutto il cuore e non affidarti alla tua intelligenza” (Proverbi 3,5). – La maggior parte di noi ha affrontato nella vita delusioni che ci hanno indotto a contare solo su noi stessi. Ma per vivere la vita che Dio ci propone, dobbiamo imparare a riposare nella saggezza di Dio. In tutte le situazioni della vita dobbiamo restare tranquilli, fare la nostra parte e fidarci di Lui.

Condividi l'articolo