I piccoli che vogliono costruire il futuro

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

I piccoli che vogliono costruire il futuro.

Giorno 8 giugno 2019 in Vaticano, nel cortile di a San Damaso, c’è stata l’annuale (da sette anni) gioiosa invasione di bambini in cerca di futuro, un futuro che vogliono costruire con ponti nuovi che superino i muri della nostra società, con l’entusiasmo che supera anche i disastri naturali e le malvagità dei grandi.
– A questa settima edizione, dal titolo “Un ponte d’oro in un mare di luce” quattrocento bambini sono venuti da Genova, dalla Sardegna e da Napoli per incontrare Papa Francesco, che li ha accolti a braccia aperte come un nonno fa con i nipoti, in un clima di famiglia. Solo che stavolta non si è trattato del «treno dei bambini», ma anche della «nave dei bambini», visto che la metà di loro è arrivata, appunto, via mare dalla Sardegna.
– Papa Francesco ha visto i loro disegni, ha letto le loro poesie per rispondere, come un “nonno”, alle domande dei suoi “nipoti”.

♦ Settima edizione dell’iniziativa del Cortile dei Gentili che porta bimbi in situazioni di difficoltà e fragilità sociale a incontrare Francesco. Scolari da Genova, dalla Sardegna, da Napoli. Tema: “Un ponte d’oro in un mare di luce”.
Il Frecciarossa 1000, partito da Genova, ha fatto tappa a Civitavecchia per raccogliere i bambini sardi arrivati in traghetto, poi a Termini per far salire altri ragazzini napoletani. Capolinea: la Stazione Vaticana, poche centinaia di metri dal cupolone di San Pietro.
È il il “Treno dei bambini”, l’iniziativa promossa dal “Cortile dei Gentili” in collaborazione con Ferrovie dello Stato Italiane, che anche quest’anno ha portato da Papa Francesco bimbi costretti ad affrontare situazioni di difficoltà e fragilità sociale. Una vera gioia vedere Papa dialogare con i bambini di Genova, della Sardegna e di Napoli arrivati con questo treno in Vaticano.
Eppure alcuni hanno visto le loro vite e le loro case spezzate dal crollo del ponte Morandi a Genova, altri hanno conosciuto l’isolamento per l’inondazione che in Sardegna nel 2013 ha distrutto anche le loro scuole, altri ancora hanno sotto gli occhi ogni giorno illegalità e ingiustizie nei quartieri più difficili di Napoli. Essi non hanno ceduto alla rassegnazione e investono tutto sulla speranza.
Quattrocento bambini sono venuti da Genova, dalla Sardegna e da Napoli per dirlo personalmente a Papa Francesco, che li ha accolti a braccia aperte — tra confidenze, consigli e domande — come un nonno fa con i nipoti, in un clima di famiglia, sabato mattina, 8 giugno, nel cortile di San Damaso.

Proprio il “cortile nobile” nel cuore del Vaticano, dunque, ha fatto da cornice alla settima iniziativa del “Cortile dei gentili” denominata il «Treno dei bambini». E che, in realtà, stavolta è anche «nave dei bambini», visto che la metà di loro è arrivata, appunto, via mare dalla Sardegna: precisamente da cinque comuni sconvolti dal ciclone Cleopatra che nel novembre 2013 fece morti e spazzò via case e opportunità di lavoro, «e anche due bambini che oggi sarebbero stato qui con noi» hanno detto a Papa Francesco.

Il Papa ha salutato e incoraggiato, in particolare, venticinque bambini genovesi sfollati dopo la tragedia del ponte Morandi: ma anche se si sono trasferiti in un’altra zona della città con la famiglia, continuano a frequentare la stessa scuola — che dista appena trecento metri da quel che resta del viadotto che chiamano con timore “il mostro” — e non hanno perso così le amicizie coi compagni di classe. E un gruppo di loro ha voluto ringraziare il Papa per questo incontro cantando un rap su ritmo di “Affacciati alla finestra” di Jovanotti.

Gli stessi sentimenti hanno animato anche il «percorso di avvicinamento» vissuto dai bambini sardi e napoletani che hanno raccontato al Pontefice sempre con disegni e scritti, il loro quotidiano.  «È un’esperienza che ha consentito loro di affrontare di petto le questioni sociali, parlando di inclusione, accoglienza, creatività e arrivando a elaborare insieme persino proposte concrete di riqualificazione e rilancio del loro territorio», confermano i professori.

Tutto questo ha fatto da premessa alle parole a braccio del Papa.
Di più, è proprio dagli incontri schietti e personali, dall’ascolto delle testimonianze e dall’aver visto disegni e poesie che Francesco ha preso spunto per rispondere, davvero come un “nonno”, alle domande di suoi cinque “nipoti”.

(fonte: L’Osservatore Romano e Avvenire.it , 8-9 giugno 2019).

Vaticano 8 giugno 2019 – “Un ponte d’oro in un mare di luce”. Ad accogliere i 400 ragazzi è stato il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura, fondatore del Cortile dei Gentili che promuove assieme alle Ferrovie dello Stato il “Treno dei bambini”. «Il treno e la nave sono come ponti che uniscono sponde diverse… Questi bambini hanno scavalcato il disastro del ponte Morandi, hanno attraversato quel mar Mediterraneo che a volte è un sepolcro per tanti migranti», ha ricordato il Cardinale. Papa Francesco ha visto i loro disegni, ha letto le loro poesie per rispondere, come un “nonno”, alle tante domande dei suoi “nipoti”.

Condividi l'articolo