Il bimestrale di cultura e società

“il Conciliatore nuovo”

Riparte dal numero zero, novità editoriale della Meligrana editore di Tropea

“il Conciliatore nuovo”, il bimestrale di cultura e società che la Meligrana editore di Tropea
“il Conciliatore nuovo”, il bimestrale di cultura e società che la Meligrana editore di Tropea

Torna a nuova vita “il Conciliatore nuovo”, il bimestrale di cultura e società che la Meligrana editore di Tropea ha recentemente rilevato dalla Biettti Media di Brescia.
Il periodico, diretto dal giornalista radiofonico Rai Mario Scaffidi Abbate, riparte a gennaio dal numero zero. La casa editrice tropeana, con questa novità editoriale, registra il proprio esordio nel mondo dei periodici, e lo fa in una maniera tutta nuova, poiché il numero di lancio è stato edito soltanto in differenti formati digitali, adatti ad ogni tipologia di e-reader: dal Pdf per Pc e Mac all’innovativo Epub per iPad e iPhone, al Mobi (Kindle).
Innovazione assoluta per un prodotto editoriale importante, e nessun limite, dunque, per i lettori più al passo coi tempi, soprattutto per i giovani, ai quali la rivista culturale è rivolta. Ma partendo dalla cultura, “il Conciliatore nuovo” intende raggiungere una conciliazione anche sul piano politico, «che sia però – si legge nella nota di presentazione – , non omologazione, cioè assimilazione dell’intero Paese ad un partito o ad un pensiero unico, bensì concordia pur nella diversità di opinioni, perché fra pareri discordi, se chi disputa possiede senno ed onestà, balza fuori sempre qualche utile verità».
Tra i temi che il nuovo bimestrale intende affrontare e discutere, anche coi suoi lettori e con quanti altri lo vorranno, nelle varie rubriche vi saranno le sezioni dedicate a storia, politica, letteratura, filosofia e religione, scuola ed educazione, costume e società, giustizia, economia, informazione, arti figurative, grandi temi, testimonianze, eventi, una pagina dedicata alla Poesia, una ai lettori ed una ai libri. Sessantuno le pagine della prima uscita, il tutto racchiuso in una  grafica semplice, essenziale, senza fronzoli, adatta ai nuovi modi di lettura digitale. Alla base della scelta dell’editore vi è dunque una filosofia tutta nuova e la consapevolezza che l’editoria del futuro parla sempre più un linguaggio digitale, capace di lasciare al lettore la decisione su come e dove fruire delle proprie letture.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente ordinario di Lingua e letteratura italiana e Storia presso il Nautico di Pizzo (VV), è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Ha diretto varie testate giornalistiche, tra cui Tropeaedintorni.it