Intervista a Domenico La Torre

Assessore allo Sport del Comune di Tropea

«Lo sport è seguito, ma mancano strutture adeguate»

Assessore, come viene vissuto lo sport a Tropea?
Sicuramente con grande partecipazione. La popolazione risponde sempre in maniera adeguata agli eventi agonistici della cittadina. Il calcio è molto seguito, così come la pallavolo. Tra l’altro, e parlo nella doppia veste di assessore e dirigente dell’Asc Tropea, cerchiamo di promuovere al meglio il valore sociale dello sport. Abbiamo infatti dato vita ad una iniziativa volta a togliere dalla strada i tanti ragazzini che altrimenti non saprebbero come passare il tempo libero, vista la mancanza di strutture.

A proposito di strutture, la palestra comunale è in condizioni tali da poter consentire lo svolgimento delle gare ufficiali della “Costa degli Dei Pallavolo Tropea”?
Quello che abbiamo trovato al nostro insediamento era da mani nei capelli. Ritengo che i soldi spesi per quella struttura siano stati gestiti male. Si poteva operare in maniera più oculata e creare una palestra polifunzionale, come se ne vedono tante sul territorio nazionale. Nonostante la situazione non proprio rosea, siamo intervenuti diverse volte sulla struttura, ma in seguito ad ogni provvedimento lo stato delle cose è tornato ad essere quello di partenza. Gli atti vandalici non si contano: scritte sui muri, spogliatoi distrutti, bagni inagibili, porte divelte e vetri rotti. Per non parlare delle infiltrazioni d’acqua dal soffitto. Ma stiamo intervenendo anche su questo, grazie all’interessamento provinciale. Comunque posso assicurare che le gare della Costa degli Dei potranno svolgersi regolarmente nella palestra.

Proprio riguardo alla palestra comunale, sarebbe una bella idea intitolarla a Nicola Mazzocca, compianto dirigente di quella “Costa degli Dei” che ottenne la storica promozione in B1. È un’iniziativa realizzabile?
Certamente. Raccolgo la proposta e ne sarò portavoce in Consiglio Comunale. Così come proporrò l’intitolazione del nuovo stadio di via Campo al carissimo Lello Pontorieri.

Ha introdotto un tema che possiamo considerare un nervo scoperto: il nuovo stadio di via Campo, in embrione ormai da anni. A che punto è la situazione?
Ho avuto diversi incontri con il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi, e con l’assessore allo Sport, Gianluca Callipo, i quali ci hanno assicurato tutto il loro supporto per la sistemazione definitiva dello stadio. Al momento i punti nevralgici sono il terreno di gioco e gli spogliatoi. Per ovviare a questi problemi si è pensato di dare vita ad una convenzione tra Comune e Provincia, in modo tale che quest’ultima possa intervenire direttamente sulla struttura. Attualmente non c’è niente di concreto, ma la volontà di entrambi gli enti è quella di risolvere una volta per tutte questo annoso problema.

Per finire un argomento a cui i tropeani tengono molto: il Memorial Lello Pontorieri. L’edizione 2009 si svolgerà?
Senza dubbio si svolgerà. La popolazione è molto legata a questo appuntamento, quindi anche il 2009 avrà il suo Torneo di Natale. Anche se le difficoltà sono sempre molteplici, non ci tireremo indietro di fronte ad un’iniziativa dedicata a Lello.

Alessandro Stella

Condividi l'articolo
Alessandro Stella
Alessandro Stella
Scrittore, ha pubblicato i romanzi "La donna di Susa" e "Il pianto del monachello" per Pellegrini editore. Collaboratore della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.

One thought on “Intervista a Domenico La Torre

  1. salve assessore, vorrei complimentarmi con lei per le belle parole espresse, per il mondo sportivo, ma vorrei sottolineare che in questo comune vigge anche un mondo parallelo, mai considerato dalla vostra attenzione,e amministrativa, che e il karate tropeano, l’associazione sportivaDilettantistica Tropheum Karate club, Affiliata alla (FIJLKAM )- C.O.N.I che opera da molti anni nel territirio; noi operiamo in commpo comunale provinciali, regionale- interregionale e nazionale, e internazionale.
    vorremmo da pete vostra um po più di attenzione, grazie il m° la torre antonio

Comments are closed.